Una croce di colore rosso tracciata su alcuni ulivi infettati dalla 'Xylella fastidiosa', il batterio che sta decimando gli ulivi del Salento, Brindisi, 24 marzo 2015. ANSA/ MAX FRIGIONE

Due convocazioni in pochi giorni, dopo anni di silenzio e assenze, sono finalmente una buona notizia per il Salento, da sei anni in balia di un tragedia senza precedenti. Dopodiché alle parole stavolta devono seguire i fatti“. Commenta così il presidente di Confagricoltura Puglia, Luca Lazzàro, gli inviti giunti da parte del presidente della Giunta regionale Michele Emiliano e della ministra per il Sud Barbara Lezzi.

Al presidente Emiliano, che ha garantito lo stanziamento di 150 milioni di euro per affrontare l’emergenza Xylella – dice Luca Lazzàro – chiediamo che l’incontro di domani si concluda con la convocazione di tavolo tecnico ristretto per chiarire a quali fondi faccia riferimento e quale destinazione intenda dare a quelle risorse”. Sul tavolo, afferma il presidente di Confagricoltura Puglia, “c’è molto di più di un pacchetto di voti da contendersi: c’è il futuro delle aziende agricole salentine, il lavoro di migliaia di persone, lo sviluppo di un intero territorio”.

Alla ministra Lezzi, che ha convocato il prefetto di Lecce, i sindaci, i presidenti di Ismea, del Crea, e delle associazioni di categoria, il presidente Lazzàro chiede un’attenzione costante alle vicende salentine. “Possiamo solo dire – afferma – che la ministra finalmente torna a occuparsi di una terra che sta vivendo una tragedia, sommata all’umiliante beffa di essere rimasta inascoltata per troppo tempo“.