E’ quasi un assembramento, per citare un termine ormai d’uso comune negli ultimi mesi, quello a cui si assiste in puglia in questi ultimi giorni. Si tratta di tante ma tante coccinelle. E non si trovano solo in campagna ma anche in città, sui balconi, tra le piante in terrazzo e persino sugli ombrelloni in riva al mare.

Le coccinelle sono insetti di piccola taglia, in genere di grandezza compresa tra 1 e 10 mm (eccezionalmente oltre il centimetro), solitamente di forma emisferica, in genere con livree vistose a colori contrastanti.

Le specie con livree vistose sono tra gli insetti più familiari: per l’utilità, l’inoffensività e l’aspetto dalla forma curiosa e dai colori vivi, inducono un atteggiamento di simpatia anche in chi prova repulsione verso gli insetti in generale. Alcuni le considerano dei portafortuna. Molte specie sono invece ignorate per le piccole dimensioni e per la livrea insignificante.

A dispetto dell’apparente inoffensività e dell’aspetto simpatico, quasi tutti i Coccinellidi sono in realtà attivi predatori dotati di una notevole voracità al punto che sono frequenti i casi di cannibalismo e comportamenti predatori alquanto sofisticati. Per questi motivi sono tra i più interessanti predatori impiegati nella lotta biologica.