parlamento

«Il Consiglio Regionale della Puglia non legifera da molto tempo perché in continuazione in questo periodo le sedute dello stesso risultano andare “deserte” per mancanza di numero legale dovuto all’assenza dei Consiglieri Regionali che fanno capo alla Maggioranza ma anche quelli che fanno riferimento alla Minoranza.» Lo afferma un comunicato a firma di Ciro Manigrasso, portavoce del gruppo politico “Monteiasi bene di tutti”

«Non è superfluo ricordare le grandi “EMERGENZE” che sussistono sul Territorio Pugliese e che stentano ad essere affrontate con innumerevoli danni alla popolazione – prosegue Manigrasso, vedi “EMERGENZA IDRICA” la quale dopo tutti i danni che ha provocato lo scorso anno, per l’attuale si prevede una emergenza ancora maggiore, non da meno sono altre emergenze che in questo periodo sono molto in evidenza, Sanità, Rifiuti, Assetto idrogeologico ecc. ecc.
I Consiglieri Regionali sono in tutt’altre faccende affaccendati, vedi “CANDIDATURE” al Parlamento Nazionale. Giova ricordare il “TRADIMENTO” degli stessi attori nei confronti degli elettori e dei territori che nel 2015 permisero la elezione di detti soggetti a Consiglieri Regionali. Un doveroso atto viene spontaneamente da chiedere ai Consiglieri in procinto di Candidatura. Non è consentito a nessuno venir meno ai propri doveri per cui tra l’altro si riceve una cospicua “INDENNITA’” . Chi volesse candidarsi al Parlamento deve “DIMETTERSI” da Consigliere Regionale ancor prima di Candidarsi al Parlamento.

Questo – conclude Manigrasso – per rispetto verso gli elettori e il territorio, per permettere l’entrata di nuovi Consiglieri Regionali e quindi continuare l’azione amministrativa e per gli uscenti rimanere al palo in caso di mancata Elezione al parlamento