Pubblicità

Le elezioni regionali sono oramai alle porte, un grande appuntamento a cui tutti noi pugliesi saremo chiamati attivamente a partecipare per decidere il destino della nostra amata regione.”

PubblicitàPubblicità

Lo ricordano in una nota congiunta Lorenzo Masiello e Giovanni Marinelli, rispettivamente segretario cittadino e consigliere comunale di “Obiettivo Comune”, che aggiungono: “ Viviamo giorni di frenetica campagna elettorale, in cui tutti gli aspiranti consiglieri elaborano argomentazioni, più o meno efficaci, per accaparrarsi consensi, spesso dimenticando lo scenario politico regionale degli ultimi anni. Ci sono, poi, aspiranti consiglieri che accennano “timidamente” di essere candidati alla regione a sostegno di Emiliano presidente, come se questa sottigliezza recasse loro imbarazzo. “

Candidati e programmi

“Corre l’obbligo di ricordare – proseguono Masiello e Marinelli – che, nel momento in cui ci si espone candidandosi al consiglio regionale, lo si fa perché si sposa appieno il programma della propria coalizione e del proprio candidato Presidente, sia per i programmi futuri, sia per quanto già fatto in passato.

Come è possibile, allora, che navigati esponenti di spicco dell’attuale maggioranza cittadina si candidino a sostegno del Presidente uscente?
Il nostro sindaco, Ciro D’Alò, in qualità di “comune cittadino grottagliese” ha candidamente dichiarato che tra tutti i candidati grottagliesi alla carica di consigliere nella massima assise regionale c’è il “suo consigliere preferito”, che si colloca nell’area di centro sinistra (a lui molto cara) affermando, altresì, che solo lui ha le competenze per rappresentarci in Regione. Il problema, però, non è confinato alla mera questione del “rappresentante politico del territorio jonico” ma, il sostenere indirettamente un “Presidente” con un programma che non stravolge quanto fino ad oggi fatto (non fatto) per la provincia jonica.

Occorre ricordare al Sindaco/comune cittadino, e a tutti coloro che lottano per la rielezione del Presidente uscente, che la provincia tarantina è stata messa letteralmente in ginocchio dalla mala gestione Emiliano: ogni scelta regionale si è rivelata catastrofica per il territorio jonico e le conseguenze le stiamo pagando tutti i giorni sulla nostra pelle.

Basti pensare al nostro martoriato ospedale o al nostro aeroporto, sempre più dimenticati dalla politica regionale e sui quali, proprio ora e a ridosso delle elezioni, si spendono promesse di ampliamento e valorizzazione da parte di chi, negli ultimi anni, ne ha distrutto ogni potenzialità.”

Valutare il passato per decidere il presente

“Cari grottagliesi – concludono Lorenzo Masiello e Giovanni Marinelli, rispettivamente segretario cittadino e consigliere comunale di “Obiettivo Comune”, valutate bene i programmi dei vari candidati presidenti e degli aspiranti consiglieri. Chiedetevi se chi ha distrutto settori strategici della provincia jonica sia capace, di colpo, a valorizzarli e a tutelarli. Non crediamo alle promesse di cambiamento elargite da coloro che hanno martoriato il nostro territorio, né alle parole dei loro sostenitori!

Per questo motivo, Obiettivo Comune ha dichiarato, nelle opportune sedi istituzionali, che non sosterrà nessun candidato alla carica di Presidente e/o consigliere, lasciando libertà di voto ai propri elettori.

I giorni 20 e 21 settembre, non facciamo vincere l’astensionismo. Con una semplice matita all’interno di una cabina elettorale, avremo la possibilità di dire la nostra sul futuro politico pugliese, giudicando l’operato della giunta uscente e rompendo, eventualmente, le catene del passato. In fondo, è proprio questo il bello della democrazia!