«Nella proposta di piano di riordino ospedaliero presentata dall’Assessore Donato Pentassuglia, che presto sarà sottoposto alla valutazione dei rappresentanti istituzionali del territorio, bisogna fare tutti gli sforzi per salvare e valorizzare il punto nascita di Grottaglie che si distingue, nel panorama dell’offerta sanitaria provinciale, come punto di eccellenza sia per numero di parti annui, sia nello straordinario ricorso ai parti naturali, in controtendenza con altre strutture sanitarie del territorio che eccedono nel ricorso ai cesarei.» A dichiaralo è il Consigliere regionale Pd Michele Mazzarano, che afferma: «L’ostetricia e la ginecologia da una parte, e l’ortopedia e la traumatologia dall’altra, rappresentano per il San Marco due fiori all’occhiello che meritano di essere valorizzati anche per la caratura delle professionalità che vi operano.

Del resto – nota Michele Mazzarano, fino alla realizzazione e all’entrata in funzione del nuovo ospedale di Taranto, che sostituirà il S.S. Annunziata e il Moscati di Taranto e lo stesso San Marco di Grottaglie, non si può privare l’offerta sanitaria della provincia jonica di punti di eccellenza che accolgono pazienti provenienti da altri bacini di utenza.

Il confronto istituzionale con Pentassuglia – conclude Michele Mazzarano, già programmato per la prossima settimana, dovrà approfondire questi aspetti accanto alle criticità ancora presenti nel percorso di rafforzamento della medicina territoriale, come nel caso della riconversione dell’ospedale di Mottola, e del potenziamento degli altri presidi.

Sono certo che l’Assessore, come sta già facendo, saprà raccogliere queste istanze