Sarà lui il candidato alla Presidenza della Regione per il centrosinistra. Battuti Dario Stefàno e Guglielmo Minervini.

Questa la sua scheda personale di presentazione:

Sono nato a Bari il 23 luglio del 1959. Dopo tre anni la mia famiglia emigrò a Bologna, e lì cominciai a frequentare la scuola pubblica. Nel 1969 rientrammo a Bari. Da ragazzo mi dedicai soprattutto alla pallacanestro. Dopo la laurea in Giurisprudenza ho vinto il concorso in magistratura e a 27 anni sono andato a fare il pubblico ministero ad Agrigento. Da quel momento mi sono occupato soprattutto di lotta alla mafia. In Sicilia ho incontrato i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e ho lavorato al fianco di Rosario Livatino. Nel 1990 ho preso servizio presso la Procura di Brindisi e nel ’96 presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. Nel giugno del 2004 sono stato eletto sindaco di Bari per il centro sinistra che, per la prima volta, ha battuto il centrodestra, grazie anche all’apporto della lista civica Emiliano per Bari che ottenne una notevole affermazione e il maggior numero di eletti in consiglio comunale. Sono stato rieletto sindaco nel 2009 rimanendo in carica sino al 2014, realizzando tutto il programma di governo e risanando i conti pubblici del Comune e delle aziende partecipate. E con la gioia di aver ricevuto a fine mandato l’attestazione di “Sindaco più amato d’Italia” sia da Monitorcittà -Datamedia che da Ipr Marketing-Sole24Ore.
Nel febbraio 2014 sono stato eletto segretario regionale del Partito Democratico, ruolo che ho ricoperto anche dal 2007 al 2009.
Attualmente sono assessore alla Legalità, Trasparenza, Sicurezza Urbana, Controllo del Territorio, Polizia Locale, Rapporto con le Forze dell’Ordine nel Comune di San Severo, a titolo gratuito.
Sono padre di Giovanni, Francesca e Pietro.