Come avevamo anticipato qualche giorno fa, a Grottaglie sono stati installati e resi operativi due defibrillatori cardiaci. I due apparecchi salvavita sono installati all’interno di un “totem” giallo, piazzati in piazza Regina Margherita ed in piazza Principe di Piemonte.

I due apparecchi sono alloggiati all’interno di una custodia con portello trasparente, al fine di poterne individuare con immediatezza il contenuto, e liberamente fruibili in caso di necessità. Per poter prelevare il defibrillatore, basta infatti aprire il portello azionando due cerniere metalliche laterali. Per segnalare l’apertura viene attivato anche un allarme sonoro, in maniera da allertare anche eventuali presenti nei dintorni, in grado di supportare chi stia operando in emergenza. I defibrillatori installati a Grottaglie grazie alla iniziativa di “Medici per San Ciro” e BCC San Marzano di San Giuseppe sono di ultima generazione ed in grado di guidare con indicazioni vocali chi si trovi a dover agire in caso di necessità; sono inoltre dotati i sistemi di controllo che fanno intervenire il dispositivo solo in caso di effettiva necessità, verificando – ad esempio – che non vi sia battito cardiaco rilevato sul paziente che viene sottoposto alla scarica salvavita.

Grottaglie si dota così di due importanti presidi medici, ma si dota soprattutto di due “baluardi di civiltà”, non solo perché frutto della solidarietà e della lungimiranza benevola di chi ha voluto donarli alla intera comunità, ma piuttosto perché questi vengono “affidati” alla intera comunità grottagliese, a cui spetta ora il compito, neppure tanto impegnativo, di custodirli con cura