Neve improvvisa in Puglia: fenomeni di Gragnola e Graupel (Neve tonda). Possibili arrivi anche in provincia di Taranto

1639
Pubblicità in concessione a Google

Forti precipitazione atmosferica costituita da chicchi (come la grandine), composti da un agglomerato di cristallini (come la neve) stanno interessando in questo momento alcune zone della Puglia a macchia di Leopardo.

Pubblicità in concessione a Google

Si tratta della gragnola o cosiddetta neve tonda.

La gragnola si presenta solo in caso di rovesci; i pallini sono sferici o, meno spesso, conici, del diametro di 5 mm o più ma talvolta di dimensioni minori (fino a 2 mm); costituiti da un nucleo di neve tonda circondato da uno strato di ghiaccio omogeneo; non sono friabili, non si comprimono e non rimbalzano e non si rompono a contatto con il suolo. La gragnola ha una densità abbastanza alta, tra 0,8 g/cm3 e 0,99 g/cm3. Si forma da una pallina di neve tonda che viene circondata da acqua liquida; questo può arrivare da gocce di nube o dalla parziale liquefazione della neve tonda stessa.

Si tratta di uno stadio intermedio tra la neve e la grandine; si distingue dalla neve per la sua superficie liscia e la sua densità maggiore e dalla grandine per le sue dimensioni inferiori. La gragnola cade di solito in inverno o all’inizio della primavera con temperature poco superiori a 0 °C.

Neve tonda a Bitonto

 

Pubblicità in concessione a Google