acqua-rubinetto

Arriva la bella stagione, e con lei aumenta il consumo di acqua, sia da parte delle famiglie che da parte di alcuni settori produttivi, come nel caso dell’agricoltura.

Si ripropone quindi, un atavico problema che affligge il nostro territorio, ovvero quello della scarsità delle risorse idriche, reso ancor più pressante quest’anno a causa di un inverno particolarmente mite e poco piovoso. Ciascuno di noi, nel suo piccolo, può però fare molto, ovvero adottare comportamenti responsabili mirati ad un utilizzo adeguato dell’acqua nelle tante esigenze domestiche e familiari. Non si tratta di fare grossi sacrifici o sottoporsi a fastidiose privazioni, quanto di porre attenzione a quei tanti piccoli gesti quotidiani che, messi insieme, possono davvero fare la differenza.
Così, dal portale informativo dell’Acquedotto Pugliese, ecco alcuni consigli per favorire il risparmio dell’acqua in casa

Non lasciar scorrere l’acqua del rubinetto anche quando non serve quando ci si lava i denti o ci si rade la barba;
Preferire la doccia al bagno, perché per ogni doccia si utilizzano circa 50 litri d’acqua invece di 180;
Non utilizzare acqua potabile per lavare le automobili;
Non innaffiare le piante con l’acqua potabile. Riciclare, ove possibile, l’acqua del lavaggio delle verdure per le piante d’appartamento;
Utilizzare lavatrici o lavastoviglie solo a pieno carico e nelle ore notturne;
Munire i rubinetti di riduttore di flusso in modo da ridurre l’uscita dell’acqua;

Far controllare spesso gli impianti domestici da personale specializzato per eliminare perdite e dispersioni, anche se di scarsa entità. Se, con tutti i rubinetti chiusi, il contatore gira, chiamare una ditta specializzata che sia in grado di controllare eventuali guasti o perdite nella tubatura. In particolare, controllare il rubinetto a galleggiante del WC per verificare che non ci siano perdite.