foto Social Comune di Carpi

A 40 anni dalla sua morte, si è svolta a Carpi questa mattina, organizzata dalla Polizia di Stato, una cerimonia di commemorazione dell’appuntato grottagliese Osvaldo Cantore, Medaglia d’Oro al Valor Civile, caduto a Carpi nel corso di una sparatoria con tre rapinatori.

Alla presenza dei familiari, del Questore Maurizio Agricola, del Sindaco Alberto Bellelli e delle rappresentanze di tutte le Forze dell’ordine, è stato ricordata la figura di Cantore ed il significato del suo sacrificio.

Il Sindaco Bellelli ha ricordato come, simbolicamente, il parco cittadino intitolato a Osvaldo Cantore, rappresenti la vita quotidiana dei cittadini, possibile grazie all’attività preziosa di chi tutela l’ordine pubblico.

foto Social Comune di Carpi
foto Social Comune di Carpi

Osvaldo Cantore, grottagliese di nascita, Medaglia d’Oro al Valore Civile, morì il  7 settembre 1978, a soli 54 anni, a causa delle ferite riportate in un conflitto a fuoco avvenuto nel corso di una rapina ai danni di una oreficeria in piazza Garibaldi a Carpi. Un ricordo che resta vivo nelle testimonianze che le varie città e comunità hanno fatto al grottagliese come all’intitolazione di un Parco a Carpi, un’area verde di 1200 mq intitolata alla sua memoria sorge in via Guido Mazzali, all’interno della quale si trova uno spazio giochi recintato o come il ricordo nei 150anni del Commissariato della cittadina modenese o quello dell’intitolazione di una via proprio a Grottaglie, nei pressi del cosiddetto Nuovo Mercato Coperto: