Il Comune di Grottaglie non ha attivato alcun progetto personalizzato per i nostri concittadini che percepiscono il Rei. Questa incapacità rischia di far perdere il beneficio economico a questi cittadini che versano in condizioni di indigenza o semplicemente di disoccupazione“. A lanciare l’allarme è una nota del Partito Democratico di Grottaglie.

Da qualche mese – spiega la nota – anche i cittadini grottagliesi stanno percependo il c.d. Rei, il Reddito di Inclusione. Si tratta di una misura di contrasto alla povertà a carattere universale posta in essere dal Governo Nazionale a guida Pd.
Esso prevede un beneficio economico mensile erogato attraverso una carta prepagata e un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà predisposto dai singoli Comuni.

Purtroppo – prosegue ancora la nota del PD grottagliese – il beneficio del Rei non può essere erogato in assenza della sottoscrizione del Progetto Personalizzato. Cosa aspetta l’Assessorato ai Servizi Sociali a predisporre i Programmi specifici, previsti per legge, con i Centri per l’impiego, le scuole, le Asl e gli Enti no profit?
Ancora una volta l’incapacità dell’Amministrazione D’Alo’ colpisce direttamente i Servizi Socio Assistenziali della Città, in particolare i cittadini più bisognosi.

Da una parte si privatizzano i servizi essenziali, dall’altra, quelli che dovrebbero essere gestiti direttamente solo dal Comune vengono a mancare. In entrambi i casi – conclude la nota del PD di Grottaglie – si tratta di incapacità e incompetenza amministrativa e a pagarne le spese sono sempre le fasce deboli.”