In questi giorni, le Nazioni Unite hanno ricordato che solo un piccolo numero di paesi ha ratificato i principali standard internazionali per garantire la sicurezza e un lavoro decente delle persone dedite alla pesca.” Lo dichiara l’eurodeputata del Movimento 5 Stelle Rosa D’Amato.

La pesca – ricorda l’esponente pentastellata ionica – ha un’alta mortalità, le più recenti stime sono di 32.000 morti l’anno. Stiamo parlando un lavoro usurante e come tale va riconosciuto. I governi che sino succeduti finora non lo hanno fatto. Mi impegnero’ personalmente con il nuovo governo affinché si ponga fine a questa situazione iniqua e discriminatoria verso un comparto cosi’ importante per il nostro paese.

Molte volte i pescatori trascorrono lunghe stagioni isolati in mare, senza la possibilità di ricevere assistenza medica, lavorando senza contratto e con fatica accumulata. Se non è un lavoro usurante questo non so quale altro possa esserlo. Occorre pertanto una tabella delle malattie professionali conseguenti a tale attività e l’introduzione di un ammortizzatore sociale stabile e duraturo.

Tornando al monito dell’Onu, D’Amato punta il dito contro quei paesi dove le condizioni di lavoro dei pescatori sono aggravate da fattori come “la rappresentanza limitata dei sindacati, lo sfruttamento dei migranti, il lavoro minorile o il traffico illegale di persone. Tali paesi spesso esportano nell’Ue e il loro pesce finisce sulle nostre tavole. All’ingiustizia subita dai lavoratori di quesi paesi si aggiunge la concorrenza sleale nei confronti dei nostri pescatori.

Tutto ciò è inaccetabile – conclude la D’Amato – e anche su questo è necessario un impegno del governo in Europa per fermare gli accordi commerciali con paesi terzi che non rispettano i diritti dei lavoratori“.