«Lunedì 13 febbraio, presso il palazzo della Provincia, si è aperto un tavolo al quale ho presenziato insieme al presidente Tamburrano ed al vicesindaco di Grottaglie Quaranta.» A renderlo noto è il consigliere provinciale Ciro Petrarulo.

«Argomenti di discussione – prosegue Petrarulo – sono stati l’accessibilità degli istituti scolastici grottagliesi e la fruizione delle palestre scolastiche provinciali. Il primo punto ha focalizzato l’attenzione sull’IIS Don Milani – Pertini dove, a causa del malfunzionamento del montacarichi per disabili, sussistono seri problemi di accessibilità; il presidente Tamburrano ha preso in carico la problematica assicurando un’immediata risoluzione della stessa. Il secondo punto vedrà coinvolti nelle prossime settimane i dirigenti scolastici degli istituti superiori di modo da arrivare alla definizione di un protocollo d’intesa tra le parti interessate che porti alla fruizione degli impianti sportivi anche in orario extrascolastico rendendo gli stessi pienamente disponibili alla città.

In mattina – continua Petrarulo – è stata affrontata inoltre, alla presenza del presidente dott. Tamburrano, la problematica relativa all’abbassamento dei limiti di velocità della strada provinciale San Giorgio – Pulsano. Dal tavolo, al quale hanno preso parte anche i sindaci delle comunità coinvolte (dott. Fabbiano e l’avv. Ecclesia), è emerso il notevole disagio che tale abbassamento comporta per i cittadini convenendo sul fatto che lo stesso va riportato su valori ottimali. Il presidente Tamburrano ha assicurato che tale innalzamento sarà immediatamente eseguito subito dopo i lavori di sistemazione della strada che partiranno già dal prossimo mese. Si auspica, quindi, un ritorno alla normalità per la prossima stagione estiva (periodo di massimo flusso) ma si conserva fino a tal periodo cautela e prudenza lasciando invariato il limite dei 50 km/h considerate le condizioni poco agevoli della stessa strada.

I risultati ottenuti in queste sessioni – conclude Petrarulo – sono il frutto di un dialogo instaurato con il presidente, dimostrazione che, laddove vi è apertura all’ascolto, un’opposizione attenta, costruttiva e propositiva può portare all’instaurazione di confronti virtuosi per il benessere e l’interesse della collettività.»