(S-D) L'assessore allo sviluppo economico della Regione Puglia Loredana Capone, l'artista pugliese Albano Carrisi, il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, la responsabile della sede Ansa di Bari Luisa Amenduni, il direttore dell'Ansa Luigi Contu e il sindaco di Bari Antonio Decaro durante la presentazione, in anteprima nazionale, di ANSA ViaggiArt, la nuova App per la promozione e la fruizione dell?offerta turistica e culturale delle Regioni sia in Italia che all?estero, Bari, 16 maggio 2016. ANSA/ LUCA TURI

«Il presidente Michele Emiliano ha partecipato oggi, presso la Fiera del Levante, alla presentazione di “Ansa ViaggiArt”, la nuova App che la maggiore Agenzia di stampa italiana presenta a Bari, in prima nazionale, col Direttore dell’Ansa stessa, Luigi Contu.» Lo rende noto il Consigliere regionale Cosimo Borraccino, Presidente II Commissione (Affari Generali e Personale) Regione Puglia.

«Si tratta – spiega il consigliere regionale ionico – di un nuovo servizio per la promozione dell’offerta turistica e culturale delle Regioni sia in Italia che all’estero.
La scelta di ANSA di puntare sulla Puglia, quale sede per il lancio del nuovo prodotto di fruizione turistica, la dice tutta sulla valenza della nostra nostra regione in questo campo. Una Regione, la nostra, già leader nel settore, che punta ancora più in alto con il nuovo Piano Strategico del Turismo, elaborato dall’Assessore Capone,che verrà presentato al Ministro Franceschini a breve, e che indubbiamente rilancerà il settore già ben avviato.
Il piano coinvolge a più livelli le figure professionali correlate al settore direttamente e indirettamente, gli Enti Locali in sinergia con associazioni,sindacati e Università, ed ha l’obiettivo di promuovere uno sviluppo solido e ben organizzato.


Personalmente – prosegue Borraccino – focalizzarei l’attenzione sulla centralità che l’Ente Regione Puglia deve rivestire nel ruolo di coinvolgimento e concertazione di tutti i singoli Enti locali al fine di poter ottenere la massima visibilità per i territori regionali e la valorizzazione degli stessi.
Sarebbe importante potenziare lo sviluppo dei territori per esempio attraverso il rilancio dei siti archeologici abbandonati promuovendone dapprima uno studio e un censimento, e successivamente sollecitando i Comuni coinvolti a proporre Bandi che ne prevedano l’affidamento per la valorizzazione e la fruizione degli stessi siti.
Punto da non sottovalutare, concerne il potenziamento delle infrastrutture e dei collegamenti tra le nostre province e il territorio interregionale e internazionale. Non va infatti dimenticato che la valorizzazione del territorio risulta incompleta se simultaneamente non viene garantito un collegamento efficiente che consenta al turista di potervi arrivare e potersi muovere con agevolezza e modernità: viceversa si rischia di scoraggiare avventori e imprese locali.

L’impegno – conclude Borraccino – deve essere dunque quello sì di valorizzare il territorio ma armonicamente renderlo ben inserito nelle tratte internazionali e nazionali, potenziando sia i collegamenti aeroportuali che quelli ferroviari.
»