(ANSA) – BARI, 11 DIC – L’indice Rt in Puglia, nel periodo 18 novembre-1 dicembre è sotto il livello di allerta pari a 1, attestandosi allo 0,8%. Anche i ricoveri sono in calo: per la prima volta dopo oltre un mese, i pazienti assistiti nelle strutture sanitarie sono sotto la soglia dei 1.800, per la precisione 1.782; di questi, 187 si trovano nelle terapie intensive, contro i 200 di ieri.

Ma resta alto il numero di pugliesi contagiati: con i 1.813 registrati nel bollettino di oggi, la Puglia è la terza regione con il maggior numero di casi giornalieri, dopo Veneto (3.883) e Lombardia (2.938). Il report dell’Istituto superiore di Sanità sull’andamento dell’epidemia di Covid-19 in Italia pubblicato oggi rivela che la situazione è in miglioramento, anche se la Puglia viene inserita ancora nella fascia a “rischio alto” per l’impatto sul sistema sanitario regionale.

Oggi sale il numero dei tamponi processati, 11.223, mai così tanti in una singola comunicazione, ma anche la percentuale di quelli positivi rispetto a ieri (16,15%). I nuovi contagiati sono così suddivisi: 667 in provincia di Bari, 215 in provincia di Brindisi, 332 nella provincia Bat, 258 in provincia di Foggia, 103 in provincia di Lecce, 219 in provincia di Taranto, 7 residenti fuori regione, 12 casi di residenza non nota. I nuovi decessi riportati sono 34: 12 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 9 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 10 in provincia di Taranto, e portano il totale delle vittime a 1.868, mentre con 590 guariti in più rispetto a quelli trasmessi ieri i negativizzati arrivano a 18.460. Con queste cifre gli attualmente positivi salgono a 49.901.