«Nel Centrosinistra cittadino, ora qualcosa si muove. Gli esploratori della maggioranza politica e consigliare, in delegazione cominciano a battere il campo della battaglia elettorale.» Lo scrive in una nota Giuseppe Quaranta per il Movimento Civico “Libera…Mente” di Grottaglie.

«Ma chi sono gli osservati speciali? Si chiede Quaranta – Sono il Sindaco uscente, forse un suo possibile antagonista Outsider (un esterno proveniente dalla società civile) o anche un Insider (un fidato interno al Partito).
Sono i Consiglieri uscenti, legati all’attuale Giunta comunale. E sono i Civici, affini per storia e per scelta.
Tuttavia il compito della delegazione di maggioranza è anche quello di compattare i ranghi, difronte al nemico avanzante.
Però il Centrodestra non si è ancora configurato né manifestato. La Sinistra radicale e il Civismo radicale tentano la coalizione improbabile. Mentre i Lupi solitari lanciano sul mercato nomi e formule, per vedere l’effetto che fa.
Tra attese e pretese dei vari personaggi, il cammino della delegazione non sarà facile e non sarà breve, speriamo che sia efficace.
In ogni caso, adesso abbiamo almeno la parvenza del Tavolo delle idee e i primi timidi Convitati. Nomi e programmi finalmente si devono appalesare, presentare e confrontare. Certamente gli attori principali, il Sindaco uscente, l’eventuale Outsider e il salvifico Insider, non potranno arrivare a mani vuote e magari vantando pretese insostenibili.

Intanto – prosegue Giuseppe Quaranta per il Movimento Civico “Libera…Mente” di Grottaglie, spetterà a loro portare la proposta programmatica e l’ipotesi di coalizione. Poi, a loro stessi toccherà procurarsi l’endorsement popolare, cioè il sostegno pubblico esplicito.
Non con le Primaries imil serie e farlocche, ma piuttosto con le Sindacarie, ossia con un semplice, sano e onesto bagno di folla. Come fosse un congresso all’aperto, tenuto anche in rete e attraverso i social media, in cui i numerosi e diffusi partecipanti abbiano la facoltà di ascoltare, di giudicare e di applaudire o di fischiare.
Quasi una riedizione moderna della Corrida radiofonica di un tempo. Questo perché a voler fare le Primarie molto allargate, troppo organizzate e assai formali, correremmo il rischio di non farle proprio, così perpetuando il vizietto affascinante della scarsa democrazia.

Non di meno, appunto per le Sindacarie, sarebbe importante svelare subito nomi, programmi e coalizione, sui quali oggi si fanno congetture politiche.
Senza aver paura di bruciare nessuno e nulla, col proposito invece di fare selezione e di cercare la soluzione più forte e più condivisa, nonché per convincere la gente a votare e non vergognarsi, dopo e ipocritamente, dell’astensionismo indotto.

Ebbene – conclude Giuseppe Quaranta per il Movimento Civico “Libera…Mente” di Grottaglie, noi auspichiamo che il Tavolo delle idee si realizzi e si consolidi con la necessaria tempestività; confidiamo che da quel Tavolo, a Grottaglie, nasca la Grande Coalizione della politica sociale; e soprattutto desideriamo che si apra un nuovo corso per gli uomini di oggi e per i giovani, che fiduciosi guardano al domani.»