computer-postazioni-lavoro

“L’avviso per la formazione a sostegno dei lavoratori in cassa integrazione straordinaria a zero ore annunciato nei mesi scorsi è stato pubblicato e la piattaforma per la presentazione delle proposte formative sarà attivata dal prossimo 7 settembre,

mentre i corsi potranno essere avviati dal 10 ottobre. Ad annunciare l’avvio della misura è l’assessore con delega al Lavoro, alla Formazione e all’Istruzione della Regione Puglia, Sebastiano Leo. “Abbiamo- dice- un obiettivo ambizioso: costruire politiche regionali per il lavoro che possano innalzare la qualità del capitale umano e accrescere i livelli di occupabilità dei lavoratori pugliesi. “Da tempo – prosegue l’assessore –  abbiamo dato dimostrazione di voler investire nella formazione come strumento per aumentare le competenze di ciascuno, adeguandole alle sollecitazioni del mercato del lavoro e alle istanze delle imprese. Sono convinto che aver cura dei cittadini in condizione di fragilità rappresenti un doveroso atto di equità sociale, per promuovere la coesione e l’inclusione sociale: per questa ragione partiamo dalla platea ristretta dei lavoratori in cassa integrazione a zero ore. L’avviso pubblicato, infatti, consentirà di avvalersi di formazione specialistica da selezionare nell’ambito del catalogo dell’offerta formativa per il rafforzamento e la diversificazione delle competenze: azioni di accompagnamento e sostegno di questa particolare categoria di lavoratori, travolti da preoccupanti e durature crisi aziendali. Da loro, infatti – continua Sebastiano Leo – vogliamo partire per infondere speranza e fiducia a chi vive una condizione di preoccupazione per le sorti del proprio lavoro. Tra pochi giorni, inoltre, grazie alla riproposizione dell’avviso “Welfare to Work”, rivisto e modificato per aumentarne l’efficacia e potenziare le opportunità di placement di quanti sono avviati a formazione, estenderemo ulteriormente il nostro intervento anche a chi vive una condizione di precarietà del lavoro. “La presentazione “a sportello” delle domande – conclude l’Assessore – renderà lo strumento particolarmente flessibile e adattabile alle necessità della platea cui è destinato. Ci aspettiamo che l’adeguamento delle competenze e il coinvolgimento nel processo formativo delle agenzie per il lavoro possa rendere più dinamico il mercato del lavoro pugliese.”