Attivato il primo bando (scadenza 31 luglio p.v.) in favore dei giovani agricoltori pugliesi che vorranno attingere dalla riserva regionale per ampliare la superficie viticola aziendale e candidandosi ad avere fino a 2 ettari di diritto di impianto a titolo gratuito. Il bando per l’assegnazione dei diritti ceduti a titolo gratuito è rivolto esclusivamente a giovani agricoltori al di sotto dei 40 anni di età e che intendono esercitare in aree DOP della Puglia.

Dal 1 gennaio 2016 i diritti di reimpianto saranno convertiti in autorizzazione da esercitare esclusivamente nella propria realtà aziendale e non nell’intero ambito regionale.
A breve sarà emanato un nuovo bando regionale per l’assegnazione di ulteriori diritti della riserva regionale, a titolo oneroso, rivolto non solo ai giovani ma anche a coloro la cui azienda ha un indirizzo produttivo diverso da quello viticolo.

Tra le misure da segnalare l’approvazione della graduatoria delle domande di aiuto per “ristrutturazione e riconversione vigneti” (campagna 2013-2014), con ben 1.134 domande di aiuto per una superficie complessiva di oltre 2.000 ettari; il finanziamento a 44 cantine operanti in Puglia per un contributo complessivo di oltre 3,5Meuro finalizzati alla realizzazione di show-room, punti vendita, sale degustazione e attività di e-commerce e cantina virtuale (premialità per le aziende in possesso del Marchio Prodotti di qualità Puglia); o il finanziamento per 19 produttori vitivinicoli che grazie alla misura “vendemmia verde” hanno eliminato i grappoli verdi nei loro vigneti in cambio di un aiuto sotto forma di pagamento forfettario per ettaro.
Pubblicato, infine, in questi giorni il Bando della Misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi”, che consentirà ai produttori di vino operanti esclusivamente nel territorio della regione Puglia, anche sotto forma di ATI o Consorzio, di candidarsi per un aiuto pubblico pari al 50% dell’investimento ammesso, per la promozione dei vini IGP, DOP, DOCG pugliesi nei Paesi extra UE. Nel bando azioni premianti per l’incoming in Puglia di esperti e buyer.

L’Assessore alle risorse agroalimentari della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni commenta così : “La viticoltura pugliese è un valore che dobbiamo essere in grado di rendere sempre più appetibile per i nostri produttori e per i nostri giovani agricoltori. Ma è anche un valore che va difeso nella sua interezza conservando i diritti di reimpianto in ambito regionale.” “Il comparto continua a crescere – dice Nardoni – ma continua a farlo per un combinato disposto di buone azioni messe in atto in primis dai produttori e poi dalla governante politica. Non a caso possiamo annoverare misure di sostegno che sono in grado non solo di aiutare, ma anche valorizzare e promuovere il settore che è ormai fiore all’occhiello irrinunciabile per la Regione Puglia.”