calcio
Pubblicità in concessione a Google

Il campionato di serie A sta per iniziare ed è tempo per valutare quali sono sulla carta le squadre che possono lottare per lo scudetto. Come abbiamo visto ci sono state squadre come Juventus, Inter e Roma che sono state tra le protagoniste del mercato estivo, avendosi assicurato dei colpi importanti per completare e rafforzare la rosa a disposizione di Massimiliano Allegri, Simone Inzaghi e José Mourinho. Tuttavia per quanto la Roma possa aver migliorato il proprio organico, resta un dato statistico legato ai punti ottenuti durante la stagione passata. Prima di essere valutata come una squadra in lotta per lo scudetto dovrà infatti dimostrare di avere qualcosa in più rispetto alle dirette concorrenti come Milan, Napoli e la stessa Lazio di Maurizio Sarri. 

Pubblicità in concessione a Google

Il punto della situazione per il Milan di Stefano Pioli

Il Milan di Pioli parte un po’ defilato in termini di quote scudetto, ma sostanzialmente ha cambiato poco rispetto alla passata stagione e può fare affidamento su un gruppo giovane, coeso e determinato a migliorare. Sicuramente dovrà migliorare alcuni aspetti, come del resto anche Inter, Juventus e Napoli, che specialmente contro le piccole l’anno scorso hanno sofferto e in certi casi perso punti preziosi. Il campionato di serie A sembra essere tornato a un livello di equilibrio e di competizione, come era solito nel decennio precedente, prima che la Juventus in sostanza vincesse i suoi nove scudetti consecutivi. Il ritorno delle milanesi infatti, senza dimenticare la costanza del Napoli, ora guidato da un tecnico capace come Luciano Spalletti, costituisce una garanzia per assistere a un campionato meno monotono, più combattuto e soprattutto capace di essere ancora aperto fino alla fine. 

Le neopromosse che devono lottare per la salvezza durante il campionato

Tuttavia è importante valutare anche il lavoro delle squadre di media e di bassa classifica, dove troviamo oltre alle tre neopromosse, Cremonese, Lecce e Monza, anche formazioni come l’Empoli, la Salernitana e lo Spezia, tutte con poca esperienza e permanenza nella massima divisione. Di fatto queste tre formazioni, a cui bisogna inoltre aggiungere il Verona, hanno dimostrato che la teoria secondo cui la lotta per retrocedere coinvolge in modo costante le neopromosse, vale fino a un certo punto. A livello statistico rimane in effetti il dato di una-due squadre che retrocedono dopo una sola stagione, ma c’è da aggiungere l’elemento sorpresa rappresentato da Cagliari e Genoa, che dopo una lunga permanenza in serie A, dovranno adesso risalire la china, ripartendo dalla categoria dei cadetti. Tra le quote retrocessione in termini di scommesse serie a bisogna valutare nel dettaglio quello che sarà lo score di formazioni come Empoli, Cremonese, Lecce, Salernitana e Spezia. 

Le altre squadre che compongono il campionato di serie A

Discorso a parte invece per Sampdoria, Verona e Udinese. Il Verona che è allenato quest’anno da Gabriele Cioffi, ex Udinese, viene coinvolto, almeno per il momento nella lotta salvezza, anche se in queste due stagioni ha dimostrato di avere del potenziale per fare molto bene in campionato. Differente invece il discorso per altre squadre come Bologna, Torino e Sassuolo, visto che da questo gruppetto ci si aspetta un buon risultato e un potenziale piazzamento nella parte sinistra della classifica finale. Ci sono però prima da valutare le condizioni di squadre come l’Atalanta di Gasperini che prova a rilanciarsi, senza le certezze e soprattutto senza le entrate di una qualificazione in Champions League.

Il punto sul campionato passato e su quello odierno di serie A

 L’Atalanta lo scorso anno è stata protagonista di una stagione a luci alterne, con un brutto avvio di campionato a cui sono seguiti infortuni e gare perse in successione. Ne hanno approfittato Fiorentina, Roma e Lazio, ma soprattutto ne ha beneficiato il Napoli di Luciano Spalletti, terza forza del campionato, capace di tornare in Champions League, dopo due anni di assenza. A ben vedere forse il quarto posto della Juventus di Allegri, anch’essa condizionata da un avvio non semplice e da risultati non sempre brillanti, è legato alla defezione delle romane e della Dea. La Fiorentina di Vincenzo Italiano, grazie anche a un gioco propositivo e un gruppo ben oliato e guidato dal bravo tecnico, è riuscita a tornare in Europa, seppur in Conference League, dopo un’assenza durata ben cinque stagioni. 

Juventus e Inter sono date favorite dai principali bookmaker

I bookmaker quest’anno hanno premiato in particolar modo gli sforzi in termini di mercato di Juventus e Inter, che si sono rafforzate in tutti i reparti, ma soprattutto sono state protagoniste di importanti colpi come quello di Angel Di Maria e del ritorno, un po’ a sorpresa del bomber belga Romelu Lukaku. Con Lukaku Inzaghi ha un potenziale offensivo non indifferente, che è di fatto lo stesso che aveva riportato il titolo nella Milano nerazzurra per merito del tecnico Antonio Conte. Juventus e Inter, ma anche Milan e Napoli, sono attualmente considerate le quattro squadre che si contenderanno lo scudetto. Sarà però una stagione lunga e travagliata, dove conteranno molto le condizioni atletiche dei singoli, tenuto conto anche dello stop per dare la possibilità ai giocatori di disputare il mondiale in Qatar che si svolgerà tra novembre e dicembre.  



Pubblicità in concessione a Google