«La emergenza depuratore di Martina Franca e il conseguente sequestro di un tratto della SS. 172, che ha tagliato in due la Valle d’Itria, causando gravissimi disagi alle popolazioni, richiede oggi un impegno di tutti per ripristinare al più presto la normalità.» A dichiararlo è Renato Perrini, consigliere regionale dei “Conservatori e Riformisti”.

«Poi – afferma Perrini – verrà il tempo della individuazione delle responsabilità, che non sono solo di natura penale, per le quali sarà la magistratura a decidere, ma soprattutto quelle politiche che hanno un nome, un cognome ed un colore ben preciso. Ma non è questo il tempo delle polemiche. Ieri, a margine del vertice che si è tenuto a Bari, ho voluto incontrare sia il presidente Emiliano sia l’assessore ai trasporti Giannini. Da entrambi ho ricavato la volontà di mettere in campo tutte le risorse possibili per accelerare i tempi per il ritorno alla normalità che, purtroppo, non sono bevissimi.

L’auspicio – conclude Perrini – è che tutto possa risolversi prima dell’estate. Per questo tutti siamo chiamati a lavorare per rimuovere ogni possibile ostacolo.»