Si rinnova l’appuntamento con i saldi, il periodo più conveniente per fare shopping approfittando di sconti e offerte.

In tutta Italia, reduci da un cambio di stagione degli armadi effettuato in ritardo rispetto agli altri anni per via del perpetrarsi del maltempo, gli acquirenti hanno solo da  ricordare la data di inizio dei saldi estivi 2019, così da programmare gli acquisti e risparmiare grazie a sconti e offerte.

Saldi estivi 2019, quando iniziano

Come sempre il tanto atteso periodo di sconti è fissato per luglio e si prolunga fino alla seconda metà di agosto, con alcune differenze tra le varie regioni italiane, in cui si arriva fino a settembre. Tuttavia, il Codacons ha segnalato come dopo il ‘maggio nero’ del commercio dovuto al maltempo, i commercianti abbiano iniziato con largo anticipo ad applicare gli sconti di fine stagione in tutta Italia. “Il maltempo che tra aprile e maggio ha imperversato in diverse zone del paese ha avuto effetti diretti sulle abitudini di acquisto dei consumatori – spiega il presidente Carlo Rienzi – La stagione estiva, infatti, è partita con evidente ritardo a causa del meteo, spingendo le famiglie a rimandare gli acquisti di nuovi capi di vestiario e calzature adatte ai mesi più caldi. Ciò ha comportato una contrazione delle vendite e una riduzione del giro d’affari per i negozianti attorno al -30% rispetto alla media nazionale del periodo, con punte più elevate nel nord Italia dove le condizioni meteo anche nei giorni scorsi rimanevano proibitive”. Proprio per far fronte all’elevato calo delle vendite in tutta Italia sono di fatto già partiti i saldi estivi, con numerosi negozi e catene commerciali che hanno anticipato gli sconti attraverso promozioni speciali e svendite, allo scopo di attirare clientela e recuperare gli affari persi a causa del maltempo.

Saldi estivi 2019: le date regione per regione

Di seguito, nel dettaglio le date dell’inizio dei saldi estivi 2019 regione per regione:

Abruzzo: dal 6 luglio al 29 agosto

Basilicata: dal 2 luglio al 2 settembre

Calabria: dal 6 luglio al 1 settembre

Campania: dal 6 luglio al 30 agosto

Emilia Romagna: dal 6 luglio al 30 agosto

Friuli-Venezia Giulia: dal 6 luglio al 30 settembre

Lazio: dal 6 luglio

Liguria: dal 1° luglio al 14 agosto

Lombardia: dal 6 luglio al 30 agosto

Marche: dal 6 luglio al 1° settembre

Molise: dal 6 luglio al 30 agosto.

Piemonte: dal 6 luglio al 26 agosto

Puglia: dal 6 luglio al 15 settembre

Sardegna: dal 6 luglio al al 30 agosto

Sicilia: dal 1° luglio al 15 settembre

Toscana: dal 6 luglio al 30 agosto

Umbria: dal 6 luglio al 30 agosto

Valle d’Aosta: dal 6 luglio al 20 agosto

Veneto: dal 6 luglio al 31 agosto

Provincia autonoma di Bolzano: dal 5 luglio al 17 agosto

Il vademecum Adiconsum

Ecco alcuni consigli da parte di Adiconsum per fare dei buoni acquisti:

1 – Sull’oggetto in saldo deve essere sempre riportato il prezzo d’origine non scontato, la percentuale di sconto applicata e il prezzo finale;

2 – È meglio diffidare di quei negozi che espongono cartelli con sconti esagerati e rivolgersi agli esercenti di fiducia. Sconti superiori al 50-60 per cento nascondono spesso spiacevoli sorprese;

3 – Attenzione inoltre all’eventuale presenza di merce venduta a prezzo pieno insieme alla merce in sconto;

4 – È consigliabile confrontate i prezzi con quelli di altri negozi, magari annotando il costo di un capo o della merce a cui si è interessati per poi acquistarlo in saldo;

5 – È bene verificare che il prodotto offerto in vetrina sia lo stesso che viene presentato in negozio;

6 – Nel periodo dei saldi i negozianti devono accettare i pagamenti con bancomat o carte di credito a norma di legge. Non sono ammesse deroghe;

7 – Diffidate dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati e non provati, anche se è a discrezione del commerciante consentire o meno di fare indossare la merce;

8 – Si può cambiare solo ed esclusivamente la merce difettosa, il cui difetto deve essere denunciato al commerciante entro due mesi dalla scoperta (non si può sostituire la merce se si cambia idea sul colore o sul modello, per questioni estetiche);

9 – È bene conservare sempre lo scontrino per poter eventualmente cambiare la merce difettosa e contestare l’acquisto;

10 – Il periodo dei saldi non sospende la normativa di legge in vigore a tutela dei consumatori sulla garanzia dei beni di consumo. Il consumatore ha diritto alla riparazione o alla sostituzione (se la riparazione risulta impossibile, troppo complicata o troppo costosa), alla riduzione del prezzo o alla risoluzione del contratto con la riconsegna del bene e la restituzione di quanto pagato. La garanzia di conformità è una garanzia legale con durata biennale;

11 – Per acquisti on line è opportuno rivolgersi solo ai siti Internet sicuri, protetti da sistemi di sicurezza, riconoscibili dalla presenza del lucchetto nella barra di indirizzo. Ancora meglio se dietro lo schermo c’è un negozio di riferimento, in ogni caso non comprare da venditori sconosciuti. Attenzione ai pagamenti e alle offerte estremamente vantaggiose potrebbero nascondere una truffa (ad esempio telefonini rigenerati venduti come nuovi).

Il vademecum Codacons

Ecco alcuni consigli da parte di Codacons per gli acquisti online:

1- Regola fondamentale: acquistare solo da siti internet sicuri, protetti da sistemi di sicurezza internazionali, riconoscibile dalla presenza del lucchetto nella barra di indirizzo;

2 – Acquistate solo da venditori sicuri: meglio se si tratta di un negozio, ma anche da privati assicurativi del feedback dello stesso, non comprate da venditori sconosciuti;

3 – Attenzione alle offerte che sembrano esageratamente vantaggiose, potrebbero nascondere una truffa;

4 – Controllate non solo il prezzo del prodotto, ma anche se comprensivo di spese di spedizione o tasse;

5 – Controllate la data di spedizione, e verificata sempre da dove viene spedito il prodotto;

6 – Conservate una copia dell’ordine effettuato, e verificate che esista la possibilità di disdirlo senza pagamento di penali;

7 – Pagate o tramite paypal o carte prepagate (meglio evitare bonifici o carte di credito), e non comunicate mai i vostri dati personali, sia via telefono, sia via mail. Non inserite mai dati privati on line;

8 – Per tutti gli acquisti effettuati on line vale la possibilità di esercitare il diritto di recesso, entro 14 giorni dalla data dell’acquisto;

9 – Nel caso di recesso spetterà sempre il rimborso delle spese effettuate;

10 – Andate sempre su siti conosciuti, non fatevi attirare da siti che si presentano con offerte incredibilmente vantaggiose.