Pubblicità in concessione a Google

“Leggo da più parti l’espressione di solidarietà e di vicinanza ai lavoratori della Leonardo di Grottaglie, ex Alenia, che questa mattina hanno scioperato dinnanzi ai cancelli dello stabilimento ionico. Dichiarazioni prive di contenuto visto che giungono da chi potrebbe intervenire e sostenere in modo concreto chi rischia il posto di lavoro. Sindaco, Consiglieri Regionali, Parlamentari: ognuno di loro è stato eletto per rappresentare il territorio di competenza e per farsi garante e rappresentante degli interessi dei cittadini. Questa dell’ex Alenia è una vertenza che si protrae da tempo e che tiene appese ad un filo il destino e la vita di centinaia di famiglie.”

Pubblicità in concessione a Google

Cosi Maria Santoro, candidata sindaco a Grottaglie, interviene a margine della manifestazione di sciopero indetta quest’oggi nello stabilmente di Leonardo.

Santoro punta il dito contro tutte le istituzioni che fanno solo parole e nessuno fatto: “Una passerella di istituzioni e politicanti questa mattina si è palesata davanti all’ex Alenia. Non servono belle facce ma occorre lavoro e attenzione. Gli onorevoli che riferiscano in parlamento, i sindaci che facciano lo stesso in regione. I lavoratori sono stanchi delle promesse e chiedono solo fatti.”

Maria Santoro

La mancata chiarezza sul futuro dello stabilimento grottagliese e la mono commessa Boeing stanno generando una enorme preoccupazione tra i lavoratori diretti e indiretti.

“Chiedo al Consiglio Comunale, sindaco e presidente di indire un Consiglio Comunale Monotematico alla presenza di tutte le istituzioni parlamentari, regionali e comunali legate alle città e al territorio su cui è insediato lo stabilimento. Allo stesso è necessaria la partecipazione dell’azienda e del presidente della Regione”.

Aggiunge Maria Santoro.

“E’ impensabile sacrificare un investimento cosi importante fatto a Grottaglie. Questo stabilimento è una eccellenza non solo regionale ma nazionale. La tecnologia e la sua applicazione qui a Grottaglie sono tali grazie alle grandi maestranze presenti che meritano rispetto.”

Pubblicità in concessione a Google