«A fine gennaio, e precisamente il 27, sarà inaugurato il progetto Scap, anche all’interno dell’ospedale di Martina Franca.» Lo rende noto il consigliere regionale Renato Perrini.

«Pochi mesi fa – ricorda l’esponente ionico di DiT – Ncl – avevo sollecitato la Asl di Taranto ma anche la Regione Puglia attraverso un’interrogazione diretta al presidente Emiliano, affinchè tale servizio partisse subito nel presidio ospedaliero della Valle d’Itria. Lo Scap (Servizio di consulenza pediatrica ambulatoriale), è già presente nell’ospedale SS Annunziata ed è partito nel mese di settembre; nasce, così come disposto a livello regionale, all’interno dei Pronto Soccorso delle strutture ospedaliere, già in possesso dei reparti di Pediatria, nonché dei comuni con una popolazione superiore ai 50mila abitanti. SCAP servirà a garantire il servizio di consulenza pediatrica, in risposta quindi alle esigenze del territorio e in assenza dei pediatri di famiglia, il sabato, la domenica e i festivi diurni, dalle 8.00 alle 20.00.

E’ un grande risultato per il comune di Martina Franca, che da fine mese attiverà un servizio richiesto a gran voce dalle famiglie. Posso dirmi contento per il traguardo che stiamo per raggiungere, ma non del tutto soddisfatto. Perché nell’interrogazione rivolta al presidente Emiliano ho chiesto di valutare la possibilità di aprire tale servizio anche nei presidi di Castellaneta e Massafra, sebbene al momento sia consapevole che non possiedano tutti i requisiti necessari così come richiesto nella delibera di Giunta istitutiva dello Scap, ma soprattutto chiedo che venga attivato nel quartiere Tamburi un ambulatorio di consulenza pediatrica sabato, domenica, e festivi, proprio nel rione colpito maggiormente dall’inquinamento e dove i bambini si ammalano come una frequenza a dir poco spaventosa.

Tale ambulatorio – conclude Perrini – potrebbe anche essere attivato all’interno dell’ospedale Moscati, ovvero il presidio sanitario di riferimento della comunità dei Tamburi