«Il 20 gennaio 2015 il Meetup Pulsano 5 Stelle protocollava al Comune di Pulsano un’istanza volta a informare l’Autorità Comunale della procedura messa in atto dall’Agenzia delle Entrate per concorrere all’ottenimento di PC, PC portatili e server, in maniera gratuita». Lo ricorda un comunicato degli stessi attivisti pentastellati, che aggiunge: «Questa strumentazione in dismissione poiché non più utile ai servizi offerti dall’Agenzia stessa, può essere ancora utile alle Pubbliche Amministrazioni, enti e organismi non-profit (anche privati) e alle Istituzioni Scolastiche presenti sul territorio. Oltre ad invitare l’amministrazione comunale a partecipare e a invitare le istituzioni scolastiche ricadenti nel territorio comunale, il Meetup Pulsano 5 Stelle ha sentito il dovere di comunicare spontaneamente il bando di concorso alla Dirigente dell’ICS Giannone, che ha inoltrato cortese riscontro. Le richieste di partecipazione dovevano essere inoltrate all’indirizzo e-mail cessionigratuite@pec.agenziaentrate.it entro le ore 12.00 del 27.02.2015.

La graduatoria – evidenziano gli attivisti del Meetup Pulsano 5 Stelle – elaborata utilizzando i seguenti criteri di priorità decrescente:
1) istituti scolastici statali e istituti scolastici paritari degli enti locali (determinati ai sensi dell’art.1, comma 1-2, L. 62/2000);
2) tutte le altre amministrazioni pubbliche (determinate ai sensi dell’art.1, D.Lgs. 165/2001);
3) altri enti pubblici e privati appartenenti a una delle seguenti categorie (non in ordine di priorità):
• associazioni ed enti senza fini di lucro iscritti nell’apposito registro associazioni;
• fondazioni e altre istituzioni di carattere pubblico o privato con personalità giuridica, senza fini di lucro;
• associazioni non riconosciute, di cui all’art. 36 C.C., che siano dotate di proprio strumento statutario dal quale sia possibile in modo inequivocabile desumere l’assenza di finalità lucrative;
• organismi di volontariato di protezione civile iscritti negli appositi registri, operanti in Italia o all’estero per scopi umanitari;
• istituti scolastici paritari privati (determinati ai sensi dell’art. 1, comma 2, L. 62/2000);
• altri enti e organismi, non compresi nei punti precedenti, la cui attività assuma le caratteristiche di pubblica utilità.
A parità di soddisfazione dei criteri suddetti, la graduatoria sarà ordinata mediante sorteggio basato sull’estrazione del Lotto del 28/02/2015. La graduatoria sarà pubblicata sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate (http://www.agenziaentrate.it/), nella sezione “L’Agenzia – Amministrazione trasparente – Bandi di gara e contratti – Avvisi e bandi di gara – Procedure telematiche per la dismissione di apparecchiature informatiche”.

Man mano che le apparecchiature in dismissione si renderanno disponibili per la cessione gratuita, a lotti di 5 apparecchiature presso una stessa sede, i soggetti partecipanti alla cessione saranno contattati in ordine di graduatoria e su base regionale, cioè: appena in un ufficio saranno disponibili 5 apparecchiature, sarà contattato il primo ente in graduatoria che abbia sede nella regione alla quale appartiene l’ufficio suddetto e che non abbia già ricevuto altre apparecchiature tramite la procedura oggetto del bando.
L’Agenzia invierà tramite PEC, alla casella utilizzata dall’ente per effettuare la richiesta, le istruzioni per confermare l’accettazione ed effettuare il ritiro delle apparecchiature.

L’accettazione – ricorda il comunicato del Meetup Pulsano 5 Stelle –  essere effettuata entro 7 giorni dalla ricezione della PEC pena l’esclusione dalla graduatoria.
Il ritiro dovrà essere effettuato personalmente dai beneficiari presso le sedi ove sono fisicamente ubicate le apparecchiature; non saranno possibili spedizioni. Le operazioni di ritiro e di imballaggio delle apparecchiature saranno a cura dell’ente beneficiario che, quindi, dovrà presentarsi al momento del ritiro munito di tutto il materiale necessario (es. cartoni, nastro adesivo, ecc.).

In occasione del ritiro dovranno essere prodotti i seguenti documenti:
– delega firmata dell’ente o organismo di appartenenza;
– documento di riconoscimento del delegato;
– ove necessario, documentazione comprovante la veridicità di quanto dichiarato in sede di domanda: iscrizione al registro associazioni, iscrizione al registro di protezione civile, statuto associativo che attesti l’assenza di finalità lucrative.
Nel caso in cui il beneficiario non si presenti per il ritiro nella data concordata, decadrà il suo diritto sui beni attribuiti, che saranno riassegnati mediante scorrimento della graduatoria