Un ennesimo, tragico fatto di cronaca scuote la provincia di Taranto. Ancora un suicidio, ancora un giovane che pone fine alla sua vita con un gesto estremo. Dopo la tarantina lanciatasi dal lungomare di Taranto, è un trentenne di Maruggio che si è tolto la vita con un colpo di pistola alla testa ed il cui corpo è stato trovato dal fratello che ha poi chiamato i soccorsi.

Come sempre, in questi casi, si affastellano le ipotesi che cercano di spiegare i motivi di un gesto così definitivo; sembrano esclusi problemi di salute od economici, mentre maggiore credito trovano motivazioni passionali.

Maggiore chiarezza dovrebbe aversi dall’esame del biglietto che il giovane pare abbia lasciato alla moglie, scritto prima di premere il grilletto.