«E’ da oltre una settimana che il sindaco Alabrese ha ricevuto per posta elettronica certificata (pec) dalla Regione, Ufficio attività estrattive, la raccomandata del 13 aprile us, con la quale viene convocata su richiesta di Ecolevante-Lgh la conferenza di servizi per l’ampliamento della cava in contrada “Amici”.» E’ quanto dichiarano i consiglieri di minoranza del Consiglio Comunale di Grottaglie facenti parte della II Commissione.

Etta Ragusa, Ciro Gianfreda, Marco Orlando, Enzo Lacorte, Antonietta Russo e Ciro D’Alò, un un comunicato congiunto scrivono: «E’ da circa una settimana che i consiglieri di minoranza gli hanno richiesto di convocare con urgenza sullo stesso argomento la II Commissione. Ma il sindaco Alabrese si è ricordato solo oggi 21 aprile di far pervenire ai consiglieri il testo della convocazione ricevuta e di fissare la riunione della II Commissione. E l’ha fissata per il 27 aprile, a soli due giorni di distanza dalla Conferenza di servizi convocata dalla Regione per il 29 aprile. Mentre a tutt’oggi 21 aprile, non ha ancora fatto affiggere all’Albo pretorio del Comune la convocazione della Conferenza di servizi, come indicato nella stessa convocazione della Regione e come previsto dalla Legge. Con questo tipo di ritardi, più volte denunciati dalla minoranza, e con questa dimenticanza, il sindaco Alabrese non solo manca di rispetto ai consiglieri di minoranza presenti in II Commissione che da anni si battono contro qualsiasi ampliamento della suddetta cava e della discarica Ecolevante-Lgh, ma di fatto sta impedendo a qualsiasi cittadino grottagliese di presentare memoria, come la legge consente, o di richiedere di partecipare alla suddetta Conferenza di servizi.

E questo caso non è isolato – incalzano i consiglieri di minoranza della II Commissione. Infatti anche per riformulare le norme del reclutamento degli scrutatori alle elezioni, alcuni consiglieri di minoranza e di maggioranza hanno chiesto da mesi ma inutilmente, e sollecitato più volte, la convocazione urgente della Commissione elettorale. Dopo questo comunicato che farà il sindaco Alabrese? Affiggerà finalmente all’Albo pretorio la convocazione della conferenza di servizi indetta dalla Regione per il prossimo 29 aprile? Informerà con maggior solerzia i consiglieri comunali di quanto comunicatogli dalla Regione? Convocherà finalmente la Commissione elettorale? Oppure il sindaco Alabrese rinnoverà l’accusa di “atti delinquenziali” ai consiglieri che denunciano tali ritardi e inottemperanze, come ha già fatto lo scorso maggio dai microfoni di Studio 100?»