«Sulla richiesta di ampliamento della cava avanzata dalla Società Ecolevante al Comune di Grottaglie per un ampiezza pari a 33 ettari, il Partito Democratico di San Marzano chiede a gran voce all’amministrazione Grottagliese che venga fatta chiarezza una volta per tutte.» E’ quanto si legge in un comunicato stampa a firma di Mina Dimaggio, segretaria del circolo PD di San Marzano.

«Su tale richiesta – prosegue il comunicato – il Comune di Grottaglie non può tergiversare ancora e deve assumere una posizione chiara e netta. Sulla richiesta di ampliamento molti passi sono stati fatti avanti in quest’ultimo anno. Infatti il 7 Luglio 2014, il PD di San Marzano è stato l’artefice di una proposta protocollata presso il nostro comune, in cui si chiedeva all’intero consiglio comunale di San Marzano di entrare nella procedura di richiesta di ampliamento avanzata dalla società Ecolevante attraverso la partecipazione alle conferenze di servizio convocate dalla regione per il rilascio della VIA. Dobbiamo riconoscere che il consiglio comunale all’unanimità si è attivato in merito producendo osservazioni e motivazioni contrarie all’ampliamento che sono state presentate in sede di Conferenza di Servizio tenutosi a Bari il 13 Maggio scorso.

Oggi – evidenzia il comunicato – il PD di San Marzano, tramite la segretaria Mina Dimaggio, chiede al Comune di Grottaglie, che l’illogicità e la contraddittorietà della richiesta avanzata dalla società Ecolevante venga espressa attraverso la VIA, così come previsto dalla l.r. n. 17 del 2007. La VIA è l’ unico strumento amministrativo oggi in grado di mettere la parola fine ad una richiesta che rischierebbe di distruggere definitivamente il nostro territorio e la salute dei cittadini. Il PD di San Marzano ricorda al Sindaco Alabrese che la tutela dell’ambiente rappresenta un pezzo d’identità del nostro partito, che si pone sempre come obbiettivo il governo dei propri territori. Il nostro è un partito che attraverso i suoi rappresentanti deve saper fare scelte capaci e ferme per la salvaguardia dei propri territori e per la tutela della salute dei cittadini. Oggi il Comune di Grottaglie non può più attendere ulteriormente, infatti se non provvede con il rilascio della VIA, la regione potrebbe intervenire nel procedimento di rilascio dell’autorizzazione attraverso la convocazione di un commissario ad acta, così come previsto dall’art. 29 della l.r. n.11/2011 . Il commissario si sostituirebbe al comune di Grottaglie nell’espletamento di tale procedura con le conseguenze negative facilmente desumibili.

Data la gravità della situazione – conclude il comunicato – il Pd Di San Marzano chiede che anche altre istanze regionali e provinciali del Partito Democratico intervengano con ogni mezzo e con ogni determinazione possibile nella soluzione del problema, in quanto in una questione così importante è necessario superare qualsiasi forma di solidarietà partitica e di appartenenza ideologica, pur di garantire alla popolazione residente un futuro dignitoso, libero da ulteriori scempi ambientali