Bellezza, turismo, musei, economia, identità, potenzialità, riconversione. Nello scenario suggestivo del Mon Reve resort queste alcune delle parole chiave emerse dal confronto culturale.

A fornire una cronaca della serata è il comitato Taranto LIDER (Libere Iniziative per la Diversificazione Economica e la Riconversione), organizzatore dell’evento, che scrive: “La bellezza è il punto fermo dal quale può partire la rinascita economica” di Taranto, città simbolo del nostro Paese. La bellezza intesa come l’insieme di attività che potrebbero diventare il fulcro e l’energia vitale di un “nuovo sviluppo sostenibile e offrire all’Italia una nuova identità”, come ha scritto e affermato uno dei relatori di questa serata, Emilio Casalini, giornalista di Report, che ha presentato il suo libro “Fondata sulla bellezza. Come far rinascere l’Italia a partire dalla sua vera ricchezza”.
Lo ha presentato in modo originale in un duetto inedito con l’attore pugliese, Pinuccio, famoso per la sua video satira politica, impegnato anche nella realizzazione di cortometraggi e nella collaborazione con Il Fatto Quotidiano.
Si sono analizzati con ironia gli aspetti negativi del turismo italiano e, di contro, evidenziati i progetti invece vincenti e le possibili attività per valorizzare le ricchezze del nostro paese.

Hanno relazionato anche i giornalisti e scrittori Angelo Di Leo e Michele Tursi, autori di alcuni libri tra cui “I Giorni di Taranto” e autori di una nuova finestra on line sulla cronaca e sulla politica, “La Ringhiera”, esempio di rinnovamento e di opposizione alla censura e al silenzio giornalistico. Questi ultimi hanno accennato alla presenza di progetti innovativi nel territorio tarantino, oltre a ricordare la forza negativa delle istituzioni che in questa città impongono una vocazione industriale distruttiva, fungendo anche da memoria storica, come profondi conoscitori dei fatti della nostra città.
Denuncia e proposta dunque per non rassegnarsi ad un sistema imposto che non rispetta l’ambiente, la salute e la sicurezza dei cittadini.

Taranto LIDER, quindi, continua con il proprio impegno per promuovere uno sviluppo culturale ed economico alternativo.
Proseguirà nei prossimi mesi l’impegno del comitato nella sensibilizzazione riguardo alla problematica endometriosi, cercando di far attuare la legge ottenuta lo scorso anno a tutela delle donne affette da tale patologia, fiduciose dell’operato futuro delle nuove figure politiche in Regione, diversamente da quanto fatto da alcuni dei loro predecessori.
Dopo questa serata lo possiamo scrivere con ancora maggiore convinzione, un’altra strada è possibile per la nostra città e per tutti noi attraverso la bellezza e l’ironia.

Il libro I giorni di Taranto, comincia con una citazione di Albert Camus con la quale vi diamo appuntamento al prossimo incontro e vi invitiamo a collaborare con Taranto Lider o altre realtà associative del territorio: “La bellezza, senza dubbio, non fa le rivoluzioni. Ma viene un giorno in cui le rivoluzioni hanno bisogno della bellezza.”