Taranto si prepara alla notte di Capodanno. 60 operatori e 6 spazzatrici meccaniche pronte ad intervenire

Kyma Ambiente lancia appello alla città per la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio: "facciamo vedere che stiamo cambiando"

736
Pubblicità in concessione a Google

In vista dell’ultimo giorno dell’anno, Kyma Ambiente sta predisponendo un massiccio servizio di pulizia notturna tra il 31 dicembre e il 1 gennaio. Operatori e mezzi saranno impegnati per tutta la notte e fino al mattino seguente per garantire igiene e decoro dopo i festeggiamenti di San Silvestro.
Saranno impegnati 60 operatori per lo spazzamento manuale e 6 spazzatrici meccaniche. Per il ritiro di ingombranti, pronti due “ragni meccanici” e per la raccolta dei rifiuti sono predisposti 10 autocompattatori che prevedono una squadra di tre operatori per ogni mezzo.

Pubblicità in concessione a Google

A tal proposito, il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli lancia un appello alla cittadinanza: «Mancano poche ore alla fine del 2022, chiediamo a tutte le tarantine e a tutti i tarantini di amare la propria città e quindi di assumere un comportamento civile quanto più possibile. Purtroppo per anni Taranto è stata al centro delle cronache negative per i fatti dell’ultimo dell’anno ed è il momento di cambiare. In queste ore i nostri operatori saranno in strada fino al mattino del nuovo anno per garantire decoro a tutti e consegnare Taranto accogliente al meglio».

60 operatori e 6 spazzatrici meccaniche pronte ad intervenire

Il presidente Mancarelli si rivolge a tutti: «Chiediamo di non vanificare questi sforzi, in segno di rispetto al lavoro di Kyma Ambiente ma soprattutto come atto concreto di rispetto nei confronti della nostra città. Ci appelliamo ai cittadini per collaborare insieme, trascorrere una notte di Capodanno serena, con il nostro lavoro, e far sì che il 2023 inizi per tutti con i migliori auspici. E così come da impulso del sindaco Rinaldo Melucci, diamo insieme prova di come questa città stia cambiando».

Pubblicità in concessione a Google