«Riteniamo urgente la definizione della situazione riguardante il risanamento dell’area portuale destinata all’incremento della movimentazione merci e la garanzia per il territorio e per i lavoratori che siano mantenuti i livelli occupazionali.» Lo dichiara in una nota il coordinatore provinciale di SEL, Maurizio Baccaro.

«Siamo fortemente convinti – prosegue Maurizio Baccaro – che sia giusto investire sul porto commerciale e sul suo terminal, pertanto SeL è impegnata a favorire lo sviluppo di questo importante settore della economia jonica e dell’intero territorio regionale.

Chiediamo al contempo alla Tct di rendere chiara ed esplicita la volontà di proseguire le attività e gli investimenti nel terminal di Taranto anche rendendo pubblico il piano di risanamento e condividendo con il territorio e i sindacati un percorso finalizzato al raggiungimento del comune obbiettivo di sviluppo del settore.

Nessun posto di lavoro può essere perso oggi a Taranto –conclude il coordinatore provinciale di SEL, Maurizio Baccaro – e il territorio ha bisogno di ricostruire un rapporto sano e proficuo con gli attori economici protagonisti al suo interno