“A seguito della sospensione della misura “Titolo II – Circolante” per l’esaurimento delle risorse disponibili, stiamo ricevendo in queste ore numerose sollecitazioni da parte delle organizzazioni di categoria e dei rappresentanti del mondo delle imprese che ci chiedono di rifinanziare questo strumento in modo da allargare ulteriormente la platea dei beneficiari.”

E’ quanto comunica l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Mino Borraccino. “In questa direzione si è espressa, con una nota formale trasmessa in queste ore, Unioncamere Puglia, l’associazione che riunisce le Camere di Commercio di Bari, Taranto, Brindisi, Foggia e Lecce, così come ha fatto anche il Presidente di Confindustria Puglia, Sergio Fontana, assieme a quelli di CNA Puglia, Confcommercio Puglia, Confartigianato Puglia, Confcooperative Puglia e Confesercenti Puglia. Stessa richiesta è giunta anche dai Confidi pugliesi, oltre che dal Presidente di Confindustria Taranto, Antonio Marinaro, e da Emanuele di Palma, Presidente di una banca importante per il territorio come la BCC San Marzano di San Giuseppe. La stessa richiesta di rifinanziare il Titolo II giunge, tra l’altro, anche da colleghi consiglieri regionali. Ricordo infatti l’intervento del collega di opposizione, Damascelli, e dei colleghi di maggioranza, Mennea, Caracciolo e Mazzarano. Si tratta di una mobilitazione importante del mondo economico e produttivo della nostra regione, oltre che di rappresentanti politici e istituzionali, dinanzi alla quale non possiamo rimanere insensibili.”

“Per questo posso assicurare che, di concerto con il Presidente Michele Emiliano e con il Capo di Gabinetto, Claudio Stefanazzi, stiamo alacremente lavorando per reperire altri fondi in modo da poter rifinanziare adeguatamente il Titolo II, valutando a questo scopo ogni possibile strada al fine di rendere concreta, nel più breve tempo possibile, questa prospettiva. – commenta Borraccino – Siamo assolutamente consapevoli, infatti, della necessità di proseguire nel supporto alle Piccole e Medie Imprese pugliesi che rappresentano l’ossatura principale del nostro sistema produttivo, anche per evitare ripercussioni di carattere occupazionale che potrebbero essere disastrose per la tenuta sociale della nostra regione. Difendere e supportare le imprese, in questa particolare fase, significa sostenere e tutelare il lavoro di tantissime persone e questa, per noi, è una priorità imprescindibile.”

“Per questo il Governo regionale, dopo lo sforzo senza precedenti compiuto in questi mesi per consentire una rapida ripartenza delle attività economiche dopo i mesi di lockdown, farà tutto il possibile per continuare a sostenere il sistema produttivo con gli strumenti di agevolazione che hanno dimostrato di incontrare il favore e l’apprezzamento delle imprese pugliesi.” conclude la nota.