Il trasporto aereo rappresenta la soluzione di trasporto pubblico più comoda e veloce, anche perché manca un servizio di alta velocità ferroviaria degno di questo nome, per chi intende raggiungere la Puglia.” A sottolinearlo è il senatore Dario Stefàno, vicepresidente del Pd a Palazzo Madama, in una interrogazione indirizzata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e al Ministro dei Beni Culturali e del Turismo.

Ma le tariffe dei voli per gli scali pugliesi – afferma il parlamentare salentino – stanno diventando sempre più antieconomiche e a ciò si aggiunge la scelta di Alitalia di cancellare, dal 1 ottobre, il volo giornaliero Brindisi-Roma Fiumicino delle ore 7.30, rendendo complesse le trasferte per la Capitale. Il governo dovrebbe farsi carico di garantire un più assortito diritto alla mobilità per quanti intendono raggiungere o spostarsi dalla Puglia.

I rincari hanno, ovviamente, impatti negativi per l’economia in generale della Regione in quanto vanno a gravare anche su coloro che, per lavoro, devono raggiungere o spostarsi dalla regione Puglia. Occorre anche considerare – si legge nell’interrogazione – che il turismo, da oltre un decennio, svolge per la Puglia il ruolo di potente driver di sviluppo economico e anche nel primo semestre di quest’anno si è avuto un incremento del 2% di arrivi e del 5% del turismo estero rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Rispetto all’estate scorsa – conclude Stefàno – nel 2019 Aeroporti di Puglia ha fatto segnare un +10% e un +17,8% rispettivamente per presenze e per traffico di linea, facendo della Puglia una tra le regioni d’Italia con il maggior numero di presenze. Solo negli ultimi 5 anni gli arrivi e le presenze nella regione sono aumentati del 27,5% e del 14%”.