La Regione Puglia sta valutando il ritorno della frequenza in presenza delle alunne e degli alunni non oltre il 25% del gruppo classe. E’ quanto emerge nelle ultime ore.

“Con riferimento alla frequenza in presenza delle alunne e degli alunni con Bisogni Educativi Speciali, in considerazione del fatto che la frequenza scolastica in presenza -per entrambi i cicli di Istruzione-, debba garantire “condizioni di reale inclusione” (come richiamato dal Piano scuola, allegato al decreto ministeriale 39/2020), con la conseguenza che in ciascuna classe ci possa essere un gruppo di alunni, e fra questi l’alunno H, DSA, BES (“gruppo eterogeneo per capacità dei presenti”), si ritiene che i dirigenti scolastici possano valutare, in tale circostanze, la organizzazione di gruppi classe in presenza. Per le ragioni sanitarie di cui in premessa, è opportuno che tali gruppi non sianosuperiore al 25% della composizione originaria di ogni singola classe.” ,

Questo lo stralcio deella lettera del Presidente della Regione Puglia inviata al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale e trasmessa alle Istituzioni Scolastiche dall’USR.