“Vengono prima i cittadini, vengono prima i grottagliesi”, con queste lapidarie parole Vito Rossini, responsabile della sede cittadini di Italia in Comune, il partito politico fondato il 16 aprile 2018 da Federico Pizzarotti, dichiara di lasciare la maggioranza politica che sostiene il sindaco Ciro D’Alò.

Italia in Comune è presente in Consiglio Comunale con Domenico Rossini e in Giunta con l’assessore Alessandra Carbotti.

Italia in Comune-Grottaglie si dissocia da questa amministrazione e dalla coalizione Grottaglie On. Prossimamente convocherò una conferenza stampa spiegando le motivazioni.” Scrive sui social Rossini. Nei giorni scorsi aveva richiesto la convocazione di una riunione di maggioranza a seguito della della mancata partecipazione dell’Amministrazione Comunale al convegno organizzato dal Comitato che sostiene la questione dell’IMU sui Comparti C.

Alla riunione si presentò solamente Giovanni Marinelli, capogruppo di Obiettivo Comune. “Sinistra italiana aveva dato adesione ma alla fine non si è presentata. Assenti tutti gli altri”, è quanto comunicò Vito Rossini a Gir.

Quest’oggi però la scelta di dissociarsi completamente. Si apre quindi una crisi, seppur determinata da un solo consigliere e gruppo, all’interno della maggioranza che compatta, fino ad oggi, aveva sostenuto il Sindaco.