Lo scorso 11 gennaio ENAV ha completato la validazione di procedura di volo con approccio EGNOS per l’aeroporto di Grottaglie.

La procedura rappresenta un asset sperimentale rilevante per l’aeroporto di Grottaglie dove sono già programmate alcune prove di volo negli anni 2021/22 e annidate in progetti di ricerca e innovazione nazionali e comunitari guidati, o partecipati, da DTA.

Nell’ambito delle attività volte all’adozione dei sistemi europei GNSS si colloca il progetto ECARO (Egnos Civil Aviation Roadmap) co-finanziato dall’Agenzia europea del GNSS, per i 27 mesi della durata delle attività progettuali. ECARO può considerarsi un progetto multidisciplinare nell’ambito aerospaziale. Il DTA é parte di un consorzio coordinato da ENAV coordina le attività del Consorzio formato da Planetek, UMS Skeldar (per la parte droni) e Airgreen per la parte elicotteri.

EGNOS (da ENAV)

EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay Service) è il servizio regionale Europeo SBAS (Satellite Based Augmentation System) di potenziamento delle costellazioni GNSS (Global Satellite Navigation System).
Attualmente EGNOS aumentando la precisione del GPS (Global Positioning System) nella determinazione delle soluzioni di posizione e fornendo per esse la necessaria integrità, rende possibile utilizzare la navigazione satellitare per applicazioni aeronautiche fino gli avvicinamenti con guida verticale ed altezze decisionali di 250-200 piedi (ossia 75-60 metri).
Grazie a tali prestazioni, il servizio EGNOS supporta, tra l’altro, l’aumento delle capacità aeroportuali, permettendo avvicinamenti in condizioni di scarsa visibilità anche per piste di atterraggio (RWY) dove il sistema ILS non è presente o disponibile. EGNOS è stato dichiarato operativo dalla Commissione Europea per applicazioni SoL (Safety of Life), quali le aereonautiche, nel Marzo del 2011 ed ENAV è stata tra i primi ANSP (Air Navigation Service Provider) europei a pubblicare procedure basate su tale servizio già nel 2012 con la procedura (LPV250) di Milano Linate.
Durante la progettazione, lo sviluppo e l’introduzione del servizio EGNOS, esperti di ENAV hanno partecipato alla definizione e verifica dei suoi requisiti di missione ed operativi. Tale partecipazione, che continua tutt’ora per le versioni evolutive del servizio, è fornita attraverso la partecipazione ai rilevanti gruppi di ICAO, CE, ESA, Eurocontrol e GSA.
L’esperienza ricavata in tema di navigazione satellitare, unita alle capacità di validare procedure EGNOS della propria flotta radiomisure, consente ad ENAV di essere coinvolta in progetti nazionali ed internazionali per l’introduzione e l’evoluzione di EGNOS e più in generale della navigazione satellitare.