L’Aces Europe, associazione che riunisce tutte le principali città europee dello sport, lo scorso ottobre ha scelto ufficialmente Grottaglie come Città Europea dello Sport 2020. L’ha scelta in quanto fulgido esempio di sport, integrazione, rispetto: tutti valori che non solo sono condivisi profondamente dall’Aces Europe ma che rispecchiano i principali obiettivi di quest’associazione internazionale.

In seguito alla nomina, come prevedibile, la soddisfazione e la felicità del sindaco Ciro d’Alò e dell’assessore Vincenzo Quaranta, il quale ha dichiarato che tale vittoria si estende a tutto il popolo sportivo di Grottaglie, sottolineando in particolar modo l’impegno costante per il raggiungimento di questo importante risultato. Questo traguardo somiglia tanto a un trampolino di lancio che consente alla città di affacciarsi su un contesto europeo, di crescere a livello internazionale e nel settore dell’impiantistica, con una particolare attenzione soprattutto alle attività paralimpiche.

La candidatura è avvenuta nello scorso luglio, quando Grottaglie ha ospitato per alcuni giorni una delegazione di commissari europei per far loro conoscere la città non soltanto sotto il punto di vista sportivo (impianti, strutture etc.), ma anche per quanto riguarda il patrimonio storico, artistico, culturale e paesaggistico dell’area. In queste tre giornate si è promosso e valorizzato al meglio le attività sportive, con un focus particolare su quelle paralimpiche e femminili per sottolineare i valori di uguaglianza, rispetto e integrazione.

Grottaglie e l’area circostante è molto attiva nello sport e nei grandi eventi, e ne è la prova la dichiarazione del presidente della regione Puglia Michele Emiliano, in occasione della conferenza stampa per la presentazione ufficiale del titolo di Città Europea dello Sport 2020 tenutasi il 22 ottobre presso il Convento dei Cappuccini a Grottaglie, nella quale ha affermato, oltre all’orgoglio per l’obiettivo raggiunto dall’Amministrazione di Grottaglie, anche l’impegno della città di Taranto, molto attiva specialmente nel calcio, nel basket e nella pallavolo, per la candidatura ai Giochi del Mediterraneo 2025.

E così, mentre calcisticamente parlando il Taranto dovrà rigiocare il derby contro il Fasano a causa di un infortunio al 36′ dell’arbitro Andrea Ancora, nonostante riportasse già un vantaggio di 1-0, per quanto riguarda la volleyball dopo le prime due giornate di campionato concluse male (la prima il 14 ottobre giocata al Palafiom contro il Tya Marigliano e la seconda, tenutasi il 20 ottobre contro il Tricase), finalmente il 28 ottobre la Erredi Taranto ha riportato la tanto sospirata vittoria vincendo per 3-1 contro l’Atripalda Volleyball, grazie a una formazione vincente e alla grinta di Gasbarro il quale trascinando la squadra verso il vantaggio, ha sottolineato inevitabilmente la superiorità del team sugli avversari, confermandola come squadra favorita non solo sul campo ma anche nei principali siti in cui è possibile consultare tutte le quote per le scommesse sportive.

Per quanto riguarda il basket, invece, la trasferta del Basket Cus Jonico Taranto contro la Caestistica Ostuni si rivela una completa delusione, dominando nel vero senso della parola tutta la quarta giornata di campionato di Serie C Gold. Quella giocata il 3 novembre però, contro il Francavilla è stata il riscatto, una vittoria sentita e sofferta che ha consentito ai rossoblu di rimontare vincendo in casa al Palafiom per 82-74.

Insomma, tra sconfitte e vittorie, l’idea di sport che l’area tarantina e in particolare quella di Grottaglie vuole promuovere è quella di uno sport sano, proiettato all’inclusione, al benessere, all’educazione, all’impegno e al rispetto, ed è l’idea di sport di cui si ha bisogno e che l’Aces Europe ha voluto premiare.