Nella tarda mattinata di ieri, un‘equipaggio della Squadra Mobile percorrendo la S.S.7 che collega Taranto al comune di San Giorgio Jonico, scorgeva sul ciglio della carreggiata una donna in stato di semi-incoscienza che camminava barcollando mettendo a serio rischio la sua incolumità.

In considerazione del notevole traffico veicolare e della presenza di numerosi autoarticolati che in qualche occasione avevano letteralmente sfiorato la donna, gli Agenti decidevano di intervenire e di mettere in sicurezza la signora in evidente difficoltà.

I poliziotti raggiunta la signora, provvedevano inizialmente ad allontanarla dalla sede stradale ponendola tra il guardrail l’autovettura di servizio, per poi gestire il traffico di autoveicoli deviando la loro marcia, al fine di garantire la propria incolumità,

La donna che non sapeva fornire alcuna indicazione circa la sua identità, improvvisamente perdeva coscienza accasciandosi a terra. Solo il pronto intervento di uno degli agenti evitava che la stessa battesse la testa sull’asfalto.

Dopo i primi soccorsi la signora veniva adagiata all’interno dell’auto della Polizia dove alcuni minuti più tardi riusciva fortunatamente a riprendere i sensi.

Le primi indagini permettevano agli agenti con l’ausilio dei colleghi della Sala Operativa 113 di rintracciare il figlio della malcapitata, che alcuni minuti dopo riusciva a giungere sul posto.

Dalla dichiarazioni di quest’ultimo si apprendeva che già da alcune ore tutti i familiari non avendo notizie della donna e tantomeno non riuscendo a raggiungerla telefonicamente erano molto preoccupati sul suo stato di salute. Dopo le ulteriori cure dei sanitari del 118 arrivati prontamente sul posto, la donna, in discreto stato di salute ,veniva riaffidata al figlio.