comparti C
Pubblicità in concessione a Google

“L’accorato appello di una autorevole rappresentante del Comitato Comparti C di Grottaglie si colloca di diritto nel novero delle “emergenze” a cui l’amministrazione comunale deve dare risposte e soluzioni immediate.”

Pubblicità in concessione a Google

E’ quanto dichiarano Orazio Antonazzo e Angelo Basta per Fratelli d’Italia, Domenico Gigante per Lega Salvini, Giovanni Patronella per Lega Sud Ausonia, Ciro Marseglia per Energie per l’Italia.

“Come coalizione di centro destra, oltre ad esprimere vicinanza e solidarietà a tutti i concittadini loro malgrado coinvolti in questa assurda vicenda, rinnoviamo ancora una volta la nostra totale disponibilità a risolvere definitivamente questa annosa querelle.

Se i cittadini Grottagliesi dovessero accordarci la loro fiducia consentendoci di governare la Città per i prossimi cinque anni, il primo atto in Consiglio Comunale ci vedrà impegnati a risolvere il problema dei Comparti C.

E poiché la coerenza è la nostra bandiera ed il nostro segno distintivo, ove mai noi dovessimo occupare gli scranni dell’opposizione, utilizzeremo la stessa identica forza e la stessa identica volontà per sanare definitivamente questa autentica piaga sociale.

Chi è stato artefice di questa spiacevolissima situazione deve farsi carico della risoluzione del problema senza se e senza ma e deve operare in piena trasparenza e nel segno della ufficialità e del coinvolgimento.

Fa uno strano effetto il silenzio assordante delle altre rappresentanze politiche locali, ma poi ci ricordiamo che sono le stesse che hanno votato a favore del provvedimento in questione, creando di fatto la situazione emergenziale attuale.

Alla luce di quanto sopra auspichiamo e attendiamo atti concreti ed ufficiali da parte del Sindaco e dell’amministrazione comunale in carica, nella speranza che la difficoltà di intere famiglie di nostri concittadini non venga volgarmente ed artatamente strumentalizzata a fini politici poiché è noto a tutti che “È cosa iniqua non porgere la mano a chi è caduto”. conclude la nota.

Pubblicità in concessione a Google