Paolo-Annicchiarico-PD

Il lavoro che la seconda commissione consiliare e il Sindaco, che detiene la delega all’urbanistica, stanno svolgendo va nella direzione della tutela del territorio in modo fermo e inequivocabile. Lo dimostra anche il fatto che, nella stragrande maggioranza dei casi, i provvedimenti approvati dalla commissione sono stati licenziati all’unanimità dei presenti, compresi i consiglieri D’Alò e Ragusa.” Lo dichiara in serata Paolo Annicchiarico, segretario del partito Democratico di Grottaglie, che interviene nella querelle sulla discarica che ha visto coinvolti in una catena di dichiarazioni il Sindaco di Grottaglie, Sud in Movimento e Mauro Liuzzi.

Voglio che sia chiaro – prosegue Annicchiarico – che il PD non arretrerà di un solo millimetro e agiremo in tutte le sedi istituzionali per contrastare ogni eventuale, ancorché remota, possibilità che si possa dare corso ad un ulteriore ampliamento della discarica esistente. E’ stato un grave errore concedere l’ampliamento del terzo lotto, sarebbe assolutamente inaccettabile ampliare anche di un solo metro cubo la discarica attuale.

La nostra ferma posizione, probabilmente, avrà fatto tremare il terreno sotto i piedi di chi, ancora oggi, rivendica una primogenitura ed un’esclusiva sul tema della discarica e della tutela dell’ambiente e teme che possa venire meno la ragione principale, se non unica, della propria esistenza nel panorama politico locale. Non riesco a spiegare altrimenti la scorrettezza dei due consiglieri che, nonostante i verbali raccontino un’altra storia perché l’ordinanza a cui si fa riferimento è stata consegnata ai consiglieri il 31 marzo, durante la conferenza stampa hanno dichiarato di non aver ricevuto i documenti in tempo utile.

Mi auguro – aggiunge Annicchiarico – che, una volta finita questa polemica inutile, si possa ritornare a discutere dei delicati temi della tutela dell’ambiente, che non possono essere strumentalizzati da nessuna parte politica, con lo stesso spirito di collaborazione tra maggioranza e minoranza che ha contrassegnato lo svolgimento delle numerose riunioni di commissione.”