Il restyling che l’Amministrazione comunale di Grottaglie ha deciso di adottare per Piazza Verdi è diventato top trend tra gli argomenti che i grottagliesi nelle ultime ore stanno postando sui social.

Fondamentalmente nessuno pone dubbi sulla bontà dell’opera intesa come ripristino dello stato dei luoghi. Piazza Verdi e da diversi anni e da diverse amministrazioni in uno stato non proprio ottimale. Gli anni passano però e le transenne aumentano. Infelice anche la scelta di posizionarci dei raccoglitori mangia-plastica. 

La situazione degli spazi urbani a Grottaglie

Diverse volte su Gir si è posta attenzione su quesa Piazza. Nel 2011 si poneva la questione non solo sullo stato della pavimentazione ma anche sulle deiezioni canine, sul verde desertificato e tanto altro . Due anni prima, era il 2009, ponevamo la questione delle piazze di Serie A (Principe di Piemonte) e serie B (Verdi). Nello stesso anno, qualche mese fa, facevamo il punto su tutti gli spazi da recuperare nel contesto urbano di Grottaglie. Molte di queste, oggi, sono state recuperate: lo spiazzo di via Ferraris (dopo il crollo stradale), piazza Leopardi. Nel 2014 il consigliere Ciro Petrarulo poneva attenzione su Piazza Cafforio e Villetta Colombo. Questi sono solo alcuni dei post che in tanti anni hanno posto l’attenzione sulle piazze di Grottaglie. 

La storia di quella fontana: un’opera davvero molto bella

Prima della riqualificazione una grande panchina circolare di ferro occupava lo spazio dove oggi è presente la fontana monumentale di piazza Verdi. Quella panchina era il ritrovo di tanti giovani grottagliesi, il punto di incontro slegato dai lampioni di viale Matteotti.

E da li partì forse la nuova opera. Venne la riqualificazione, il progetto, gli esperti e si realizzò un’opera davvero molto bella per alcuni, non bella per altri: quella panchina di ferro diventò una struttura a vortice piastrellata con i colori della terra, ai lati tante colonne impreziosite di ceramica grottagliese, su di esse delle fontanelle: da queste sgorgava acqua. Un leggero fruscio donava pace a quel lembo di Grottaglie.

Un’opera non apprezzata da alcuni

Le aspettative costarono caro alla piazza. Molti cittadini si aspettavano finalmente di poter avere a Grottaglie una fontana monumentale che buttasse acqua dalla terra verso il cielo. A quei tempi Piazza di Principe di Piemonte non era stata ancora ridisegnata. Ad opera ultimata però notarono che l’acqua non sgorgava dal basso verso l’alto ma scendeva da tante piccole fontanelle posizionate su tutto il perimetro circolare. Chi si aspettava ciò che poi fecero in Piazza Principe di Piemonte restò deluso e ancor oggi non digerisce quella scelta. Chi invece capi lo spirito, le scelte e la filosofia di quell’opera potè godersi lo spettacolo di quelle splendide fontanelle.

Uno spettacolo che però durò davvero poco. Ben presto l’impianto idrico fu chiuso e con esso la fontana perse tutto il suo splendore.

Il restyling di Piazza Verdi oggi

Sul progetto di riqualificazione che interesserà la piazza oggi non è stata fatta una presentazione completa del progetto alla città. Immaginiamo che sarà programmata nei prossimi giorni, ci auguriamo prima della cantierizzazione e dell’avvio dei lavori. Intanto però il Sindaco ha informato la comunità mostrando alcuni particolari del progetto e rendendo pubbliche alcune simulazioni grafiche che danno l’idea di come sarà ridisegnata la piazza. Questi render, seppur non completamente espliciti, mostrano e rendono una idea abbastanza verosimile di come sarà ridisegnata la Piazza più importante di Grottaglie, seconda solo a Piazza Principe di Piemonte.

L’annuncio del Sindaco Ciro D’Alò

200mila euro per il restyling

Con Delibera di Consiglio Comunale n.25 del 14.06.2018 “Bilancio di previsione finanziario 2018/2020- Salvaguardia degli equilibri (art. 193 del TUEL) e variazione di assestamento generale ( art.175, comma 8, TUEL)- Approvazione”, l’Amministrazione Comunale di Grottaglie st la somma di € 200.000,00 per la “Manutenzione straordinaria della Piazza Verdi”.

L’esigenza nasce dallo stato in cui si trova una delle principali piazze di Grottaglie, uno stato di disagio ormai da svariati anni, una zona localizzata lungo il principale corso commerciale della città, secondo per luogo di aggregazione sociale solo alla centralissima Piazza Principe di Piemonte. Al momento le criticità maggiori riguardano il sollevamento della pavimentazione esistente causato dalle radici degli alberi di pino. Buona parte della zona è stata transennata.

L’Amministrazione Comunale intende intraprendere azioni volte ad una generale sistemazione di Piazza Verdi, ed in particolare alla sua messa in sicurezza, nonché al miglioramento della sicurezza stradale e della fruibilità degli spazi anche ad essa limitrofi, nell’ottica di restituire ai cittadini grottagliesi uno spazio sicuro, maggiormente fruibile e rispondente ai criteri minimi di decoro urbano, anche potenziando la funzionalità dei parcheggi, dei marciapiedi e della viabilità in generale.

A novembre 2018 l’approvazione del progetto

«L’obiettivo degli interventi – spiegò il primo cittadino grottagliese – è quello di superare le condizioni di degrado e abbandono dell’area: riqualificando il verde e il sistema dei percorsi. Verranno eliminate le barriere fisiche ed architettoniche che ad oggi impediscono la vivibilità e la fruibilità della piazza. Inoltre, con gli interventi in programma migliorerà anche il sistema della mobilità e della sosta nella zona.

Oggi la contrarietà dell’Opposizione

Nei giorni scorsi parte dell’Opposizione ha richiesto formalmente la convocazione urgente della 2^ Commissione Consiliare “Assetto del territorio e lavori pubblici” per discutere del progetto di manutenzione di Piazza Verdi. “Lo stravolgimento di un’opera pubblica realizzata negli anni scorsi sulla base di un progetto individuato ed assegnato da una commissione tecnica formata da esperti”, cosi I Consiglieri Comunali Francesco Donatelli, Aurelio Marangella, Massimo Serio (Articolo UNO), Michele Santoro (Conservatori e Riformisti), Ciro Gianfreda (Forza Italia) e Antonella Russo (Grottaglie prima di tutto) .

La contrarietà di tecnici e cittadini sull’eliminazione della fontana

Intanto un gruppo di tecnici, cittadini e rappresentanti sociali della comunità, ma anche politici, si è auto convocato per domani, lunedì 24 giugno, alle ore 9 proprio in Piazza Verdi. Sono contrari all’eliminazione della fontana. La piazza va rimessa a nuovo, fontana compresa.

“Non demoliamo la fontana, rappresenta Grottaglie. Non facciamo lo stesso errore di Piazza Regina Margherita e della Banca Popolare Jonica”

E’ quanto dichiara Ciro Marseglia, Presidente circolo Grottaglie di Energie per l’Italia.

“Si interviene demolendo una fontana frutto del progetto, scelto a suo tempo da una commissione di valenti esperti, dello scomparso architetto Renato Cavallo. Uno dei più valenti ed illuminati tecnici grottagliesi, che ha dato al suo progetto, cosa non accaduta con altre realizzazione urbanistiche pubbliche della città, una forte connotazione e legame con la storia e le tradizioni di Grottaglie.

La ceramica, che in nessuna altra opera appare nella “Città della Ceramica”, nella realizzazione della fontana che si vuole demolire a Piazza Verdi, è presente massicciamente con numerosi richiami, lo sono la terra e l’acqua elemento fondamentale per le due tradizioni cittadine, l’agricoltura e l’artigianato ceramico.

L’amministrazione del cambiamento e del movimento, attraverso questo rifacimento si muove in perfetta continuità con chi ha amministrato negli anni passati Grottaglie. Cancellando storia ed identità, ne sono un esempio Piazza Regina Margherita, dove in nome della modernità se ne distrusse l’armonia delle proporzioni e la bellezza architettonica. Altro esempio quando per favorire la nascita dell’edificio dell’allora banca locale, Banca Popolare Jonica, si consentì lo sgombero e la demolizione delle case appena oltre Porta San Giorgio, lasciando alle spalle del nuovo edificio, ed ancora visibili, ruderi che ricordano un paesaggio frutto degli effetti di un bombardamento bellico”.

E’ quanto dichiara Ciro Marseglia, Presidente circolo Grottaglie di Energie per l’Italia.

Ma il Sindaco non ha parlato di demolizione: “La Fontana sarà risistemata con inserti in ceramica”

Nella intervista a Canale 85 del 12 giugno scorso il Sindaco non ha parlato di demolizione: “La Fontana sarà risistemata con inserti in ceramica”, queste le sue parole. Certo è che dai render che sono stati mostrati si evince tutt’altro. A questo punto attendiamo la presentazione completa dell’opera.