“Ad eccezione del maxi tabellone posto all’esterno della struttura, ancora nessuna traccia dei lavori di riqualificazione al S. Marco di Grottaglie. Tutto fermo.

Non solo. Il reparto di riabilitazione langue, con solo nove posti letto su quaranta, attivi. Il resto delle camere, che avrebbero dovuto essere adeguate con l’installazione dei bagni, anziché essere interessate dall’avvio dei lavori sono state occupate da altri servizi territoriali, esterni all’ospedale. Una gestione psicotica che fa perdere attrattività all’ospedale, ormai sempre più a corto di personale”. Lo dichiara Francesca Franzoso, consigliere regionale a seguito di un sopralluogo effettuato ieri nell’ospedale s. Marco. “Dei quaranta posti letto di riabilitazione (ortopedica, pneumologia e neurologica) previsti sulla carta,- spiega Franzoso,-  al momento ne sono attivi soltanto nove. I lavori di adeguamento delle altre stanze e dei restanti trenta posti non sono stati avviati e gli spazi sono stati ingombrati dai servizi di fisioterapia della locale Utr. L’ Azienda sanitaria spieghi perché quelle stanze sono state occupate e quando saranno avviati i lavori di adeguamento con l’installazione dei bagni singoli in ognuna di esse.”

“Nonostante gli annunci con squilli di tromba dei signorotti locali di Emiliano, nessun cantiere quindi. – prosegue Franzoso –  Al contrario, non solo l’ospedale di Grottaglie ha subito la beffa di rientrare nella seconda tranche dei Fondi fesr per la riqualificazione della struttura ( otto milioni giunti solo a seguito della mia denuncia) ma i lavori non sono neanche partiti. E ora, in più, le stanze per la riabilitazione sono state sottratte all’ospedale e concesse in uso per altri servizi extra-ospedalieri.”

“Emiliano e l’ASL di Taranto siano chiari. Forniscano risposte e tempi certi ai cittadini sull’ospedale. Il tempo delle menzogne e degli annunci, sul S. Marco, è scaduto”. conclude la nota.