Chissà quante imprecazioni o come sarai restato di sasso quando il tuo smartphone è caduto rovinosamente per terra, sul pavimento di casa o sull’asfalto della strada.

“Quanto mi costerà ripararlo?”, “quanto tempo resterò senza telefono?” Se lo schermo dello smartphone si è rotto è possibile farlo sostituire da un esperto oppure ripararlo da soli, ma bisogna prestare attenzione e usare gli strumenti giusti.

Riparazione dello schermo

Anche se il telefono funziona regolarmente pur avendo lo schermo rotto, è bene procedere alla riparazione per evitare che si rovini ancora di più o che ci si possa tagliare inavvertitamente durante l’utilizzo. Perciò, la cosa migliore da fare è quella di sostituire lo schermo. A questo punto ci sono due opzioni: rivolgersi ad un tecnico specializzato oppure fare da sè. Nella prima soluzione, il vantaggio è  affidarsi a personale specializzato, che grazie a conoscenza ed esperienza provvederà alla riparazione ma si dovranno sostenere le spese di riparazione e attendere i tempi tecnici necessari. Se, invece, si decide di effettuare  la riparazione in autonomia, si potrebbero risparmiare tempo e soldi (ma non è sempre detto che sia così…)  e bisogna prestare la dovuta attenzione e utilizzare gli strumenti giusti.

Consigli per il fai da te

In commercio è possibile trovare dei kit per la riparazione, mentre in rete si possono consultare dei video tutorial che possono aiutare nello svolgere la riparazione. Il primo step consiste nel rimuovere il vetro rotto. Il vetro deve essere scollato e rimosso con attenzione per non danneggiare altre parti dello smartphone, in particolare, i sensori. Successivamente, pulire con molta cura e delicatezza il display, facendo attenzione a non rigarlo. Incollare infine il nuovo vetro facendo attenzione a non coprire l’altoparlante e i sensori con l’adesivo.

 Meglio la prevenzione che la riparazione

Ci sono una serie di accorgimenti che è possibile adottare per evitare che lo schermo del cellulare si rompa. Tra le cause principali che provocano la rottura dello schermo ci sono senz’altro le cadute a terra o su altre superfici dure, da diverse altezze, cadute solitamente causate da fretta e distrazione. Quindi occorre prestare sempre attenzione, afferrare il telefono con sicurezza, evitare di lasciarlo nelle mani dei bambini. Ma il telefono si può anche rompere o rovinare all’interno di una borsa o di una tasca, se viene a contatto con chiavi o altri oggetti che possono graffiarlo o scheggiarlo.

Un gesto semplice per proteggere lo schermo è acquistare e applicare una pellicola protettiva, meglio se in vetro temperato. Queste pellicole sono resistenti agli urti e ai graffi, e sono in grado di attutire eventuali colpi, evitando che lo schermo del telefono si danneggi.